Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lessicografia italiana e ungherese comparata: il linguaggio informatico-telematico. Classificazione tipologica di anglicismi e neologismi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CLASSIFICAZIONE TIPOLOGICA DI PRESTITI E CALCHI realizzano rese fonetiche divergenti: se i suoni delle due lingue, in determinate realizzazioni, sono somiglianti, ciò li porta all’identificazione fonematica. Mackey (1970: 195-223) distingue due procedimenti in quanto egli non ammette esclusivamente l’interferenza, ma le affianca anche il processo di integrazione. Quest’ultima si riscontra nel codice, langue o lingua, e sottintende l’integrazione, in una lingua o in un dialetto, di componenti dell’altro, seppure nella consapevolezza che, essendo l’integrazione un processo graduale, non è così immediato definire se un forestierismo sia una citazione casuale o un prestito vero e proprio. L’interferenza è intesa invece come una manifestazione speculare, poiché il suo investimento opera nel messaggio, parole o discorso, e investe la pratica di fattori di una lingua o di un dialetto nell’atto di scrivere o parlare in un’altra lingua o in un altro dialetto. Infine si ponga brevemente l’attenzione su una questione ancora dibattuta rispetto alla coniugazione del topic del bilinguismo e dell’interferenza. Alcuni linguisti accettano la teoria di Haugen (1950) secondo il quale l’atteggiamento dei bilingui verso la L2 è differente da quello degli apprendenti di L2 perché in sostanza è diverso il trattamento degli elementi delle rispettive L1. Per Lüdi (1990: 50-51) nel contesto acquisizionale predomina l’“asimmetria di competenze”, viceversa in quello bilingue solitamente vi è “equivalenza di repertori”. Differente è l’esito della scuola variazionista. I linguisti concordi con questa linea di pensiero hanno convalidato le corrispondenze del comportamento linguistico adottato dall’apprendente di L2 e dal bilingue. Anche Gusmani (1987: 88) parla di potenzialità di interferenza tanto nella L2 quanto nella L1, motivandola come ripercussione della “conoscenza, da parte di un parlante, di un altro strumento linguistico.

Anteprima della Tesi di Arianna Bernardini

Anteprima della tesi: Lessicografia italiana e ungherese comparata: il linguaggio informatico-telematico. Classificazione tipologica di anglicismi e neologismi, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Arianna Bernardini Contatta »

Composta da 338 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4028 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.