Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'autoriferimento in teoria degli insiemi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 combinazione di questa e del moto della luna attorno alla terra genera i cicli delle fasi lunari. Nella storia dell�umanit� questi cicli hanno rappresentato, per la loro regolarit�, una importante fonte di riflessione scientifica, spingendo alla razionalizzazione dei fenomeni naturali. Uno schema per il succedersi delle stagioni dell�anno [BM 96] pu�, essere il seguente: anno = (primavera, (estate, (autunno, (inverno, (anno))))). Analoghi schemi possono essere inventati per schematizzare tutte le regolarit� del corpo umano, come ad esempio il battito cardiaco. Analogamente un dialogo tra due individui [BM 96] pu� essere rappresentato come: dialogo = (primo individuo, (secondo individuo, (dialogo))). Tale schema si presta a diverse attivit� di relazione ed a giochi a mosse, come una partita a scacchi od a ping pong. III. Un infarto pu� essere causato da una forte emozione: il cardiopatico che cominci a star male prova terrore perch� ha paura che gli stia venendo un infarto; tale emozione pu� essere cos� forte da provocare un aggravamento dell�infarto stesso, da cui deriva ulteriore terrore; da questo segue ancora aggravamento, in un ciclo che pu� portare alla morte. Schematicamente: infarto Ø terrore Ø aggravamento = (infartoØ terrore Ø aggravamento). Questo esempio differisce lievemente dal precedente perch� qui tra tutti i termini c�� un nesso causale e non semplicemente sequenzialit�. IV. La chiamata ricorsiva � uno schema in cui all�interno di una procedura si richiama la procedura stessa: Programma:=(Istruzione1, (Istruzione2, (Programma))) in genere questi cicli terminano, dato che si tratta di liste di istruzioni cui segue un qualche atto da parte della macchina e che modificano la situazione ad ogni passaggio. Tuttavia ci� non � affatto garantito e sta all�abilit� del programmatore evitare cicli infiniti. Si noti che, pi� in generale, la nozione di stato di un sistema [BM 96], in informatica, pu� dare luogo a cicli in quelle macchine progettate per tornare regolarmente negli stessi stati. V. Il linguaggio [BM 96], oltre a ci� che chi comunica intende significare, trasmette sempre anche un�informazione riguardo a se stesso: che si sta usando proprio quel linguaggio. Non � difficile immaginare come da ci� possano derivare dei casi di autoriferimento che non sempre si semplificano ricorrendo alla gerarchia dei metalinguaggi. VI. L�anafora 1 pu� offrire diverse occasioni di cicli di significato, in cui un pronome si riferisce al soggetto od all�oggetto di una subordinata in cui compare un altro pronome riferito al primo. Nella frase: �colui che viveva vicino a colei che per anni lo aveva 1 Adattamento da [BM 1996].

Anteprima della Tesi di Giovanni Giuseppe Nicosia

Anteprima della tesi: L'autoriferimento in teoria degli insiemi, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Giovanni Giuseppe Nicosia Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1514 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.