Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Internet e la pubblica amministrazione. Problematiche e norme senza confini?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

L’ARPA, voleva creare una rete informativa interna che potesse resistere anche ad un eventuale attacco nucleare, questo obiettivo era realizzabile solo con l’assenza di un nodo centrale di comando, esso infatti, avrebbe rappresentato il bersaglio strategico principale dei nemici che, colpendolo, avrebbero messo in ginocchio la nazione, impedendo il funzionamento dell’intero sistema. Il Dipartimento della Difesa americano, DOD, 8 doveva quindi sviluppare un sistema di comunicazione “acefalo”, non era infatti possibile avere una sorta di quartier generale con un supercomputer centrale. Ogni unità pertanto, avrebbe dovuto trovarsi in grado di funzionare indipendentemente dalla efficienza e dalla stessa sussistenza degli altri nodi della rete. Arpanet il progenitore di Internet. Da ARPA prese vita nel 1969 ARPANET, il primo embrione di quella che in seguito sarebbe diventata l'Internet, il progetto era finanziato dal 1969 dal Ministero della Difesa USA, il DOD, ed era strutturato sia come esperimento su un metodo affidabile per le comunicazioni in rete, sia con lo scopo di collegare il DOD stesso agli esponenti della 8 Department Of Defense.

Anteprima della Tesi di Marco Martorana

Anteprima della tesi: Internet e la pubblica amministrazione. Problematiche e norme senza confini?, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Martorana Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2701 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.