Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mobbing

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 sorta di pre-fase, detta condizione zero, che ancora non è mobbing ma che ne costituisce l’indispensabile presupposto. Tali modifiche, secondo Ege, si sono rese necessarie per permettere l’utilizzazione di un modello predisposto per i paesi nordici (scandinavi ed anglosassoni) che presentano realtà sociali assai diverse da un paese quale l’Italia. Il mobbing secondo Ege si suddivide nelle seguenti fasi: la condizione zero: è riscontrabile solo nel sistema italiano e si caratterizza per la presenza negli ambienti di lavoro di condizioni favorevoli allo sviluppo del mobbing e consistente in un clima ostile di tensione determinato, tra l’altro, da un clima particolarmente sfavorevole del mercato del lavoro, o dall’ambizione di alcuno, o dalla concorrenza tra i lavoratori; la fase uno si caratterizza per l’individuazione della vittima, ossia del soggetto su cui verranno riversate le ostilità dell’ambiente di lavoro, quella che fungerà da “capro espiatorio” per ogni problema aziendale e/o dei singoli lavoratori. In questa fase il fenomeno mobbing non è ancora emerso con chiarezza e non è ancora possibile capire se mai si realizzerà;

Anteprima della Tesi di Marco Francesco D'Alò

Anteprima della tesi: Il mobbing, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Francesco D'Alò Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15384 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.