Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Simulazione del processo di idrodeclorazione catalitica del clorobenzene in acqua

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Introduzione Stato, nonch� la definizione di valori limite in relazione alle caratteristiche del corpo ricettore, l�individuazione di misure tese alla conservazione, al risparmio ed al riciclo delle risorse idriche. Dopo poco pi� di un anno dell�entrata in vigore, il Dlgs 152/1999 � stato modificato dal cosiddetto decreto �Acque bis�, il Dlgs 18 agosto 2000, n. 258. Il Dlgs 11 maggio 1999, n. 152 stabilisce che s�intende per scarico: �Qualsiasi immissione diretta tramite condotta di acque reflue liquide, semiliquide e comunque convogliabili nelle acque superficiali, sul suolo, nel sottosuolo e in rete fognaria, indipendentemente dalla loro natura inquinante, anche sottoposte a preventivo trattamento di depurazione�. Il legislatore non distingue tra scarichi provenienti da insediamenti produttivi e civili e differenzia lo scarico in relazione al luogo di immissione: acque superficiali, suolo, sottosuolo, reti fognarie. Secondo il corpo ricettore in cui recapitano, gli scarichi dovranno rispettare limiti di emissione diversi. I limiti sono fissati a livello nazionale, sulla falsa riga di quelli gi� stabiliti dalla legge 319/1976 e dai Dlgs 132 e 133 del 1992 e, a livello regionale, nell'ambito dei piani di tutela e sulla base degli obiettivi di qualit�. In particolare, il decreto stabilisce che tutti gli scarichi devono essere autorizzati e devono rispettare i valori limite previsti dall�allegato 5; le Regioni potranno definire valori limite diversi, salvo per quanto riguarda le sostanze indicate nelle tabelle 1 (Limiti di emissione per gli impianti di acque reflue urbane), 2 (Limiti di emissione per gli impianti di acque reflue urbane recapitanti in aree sensibili), 5 (Sostanze per le quali non possono essere adottati da parte delle Regioni, o da parte del gestore della fognatura, limiti meno restrittivi di quelli indicati in tabella 3, rispettivamente per lo

Anteprima della Tesi di Raffaele Ferrillo

Anteprima della tesi: Simulazione del processo di idrodeclorazione catalitica del clorobenzene in acqua, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Raffaele Ferrillo Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 773 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.