Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Simulazione del processo di idrodeclorazione catalitica del clorobenzene in acqua

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Introduzione 1.4 Il clorobenzene Il clorobenzene, ClHC 56 , � un composto formato da un anello aromatico in cui un atomo di idrogeno � sostituito da un atomo di cloro; in tabella 1.1 si riportano le sue caratteristiche chimico � fisiche. Il clorobenzene pu� essere prodotto ed immesso nell�ambiente dagli inceneritori, come prodotto di combustione incompleta, nonch� dalle industrie chimiche. In passato rientrava come intermedio nel ciclo di produzione dei pesticidi clorurati, tra i quali ricordiamo il dicloro-difenil-tricloroetano (DDT), e dell�anilina; oggi come solvente per la produzione di erbicidi, adesivi, vernici, lucidi e tinture, come reagente per la sintesi di nitroclorobenzene (orto e para) e fluido di servizio negli scambiatori di calore e nelle puliture metalliche, vista l�alta reattivit� ad elevate temperature con alluminio e zinco. L�esposizione al clorobenzene pu� avvenire prevalentemente per inalazione o contatto cutaneo, sul posto di lavoro, in vicinanza di discariche, per utilizzo di vernici e solventi che lo contengono, o attraverso ingestione di acque e cibi contaminati. Gli effetti di tale esposizione sulla salute umana sono di difficile valutazione sia perch� di norma il contatto avviene con una miscela di sostanze chimiche, sia per la scarsit� di studi sistematici condotti su volontari (per ovvi motivi�!). Tuttavia � certo che un ruolo fondamentale hanno concentrazione, durata e frequenza dell�esposizione alla sostanza. Gli studi condotti da Tarkhova (1965) e Ogata et al. (1991) provano che il contatto con il liquido o il vapore del clorobenzene pu� irritare la pelle, gli occhi e le prime vie respiratorie, l'esposizione ad alte concentrazioni pu� causare vertigini, insonnia ed alterazioni dell�attivit� elettrica della corteccia cerebrale.

Anteprima della Tesi di Raffaele Ferrillo

Anteprima della tesi: Simulazione del processo di idrodeclorazione catalitica del clorobenzene in acqua, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Raffaele Ferrillo Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 773 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.