Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

recente indica che tale problema è fonte di rilevanti discussioni; queste includono le tensioni politiche che emergono nel cooperare in un’unione monetaria in presenza di shock asimmetrici, la tendenza di tali shock d’inasprire il ciclo degli affari per tali paesi se periferici rispetto l’unione, effetti endogeni di crescita, i costi prodotti dall’imporre restrizioni legali ai partecipanti all’unione. Secondo punto, in assenza di tali problematiche, un paese sotto un regime di cambi flessibili non può fare molto in termini d’inflazione. Dati i costi elevati causati da alta e variabile inflazione, per una nazione risulta essere importante in termini di credibilità fissare la sua politica monetaria a quella di un paese con un basso livello d’inflazione. Ci sono, tuttavia, dei costi di transizione collegati ad una integrazione monetaria che, ad esempio, includono l’incremento in disoccupazione per i paesi con alta inflazione, e le difficoltà nel coordinare le diverse politiche monetarie. Si tratta di effetti prevedibili per il breve termine che dovrebbero migliorare nel medio-lungo termine. Da un’analisi più completa scaturisce che, secondo la nuova teoria rispetto alla precedente, ci sono minori costi in termini di perdita dell’autonomia delle politiche macroeconomiche e maggiori benefici come una maggiore credibilità in termini d’inflazione. La recente letteratura evidenzia la necessità di coordinare le politiche fiscali il che potrebbe essere una costrizione aggiuntiva per le politiche nazionali. Alla fine, i livelli fissati dei tassi di cambio associati con un’unione monetaria dovrebbero non essere considerati come immutabili poiché non ci sarebbe motivo, in primo luogo, nel mantenere tassi di cambio tra specifiche valute se questi tassi di cambio siano intesi nel restare irrevocabilmente fissi. Si tratta di alcune problematiche che in precedenza erano state affrontate in modo marginale ma che ora, in virtù di recenti sviluppi pratici, si propongono in modo più consistente attirando l’interesse degli addetti ai lavori e ciò sarà il punto focale del lavoro da me svolto il quale si articola in tre parti; nella prima saranno proposte alcuni contributi

Anteprima della Tesi di Michelangelo Greco

Anteprima della tesi: Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michelangelo Greco Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.