Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo – Le Aree Valutarie Ottimali nella letteratura recente. - ™ perché non vi è nessuna politica interna e nessuna leadership economica in grado di mantenere un sistema di cambio fisso in equilibrio; ™ perché le autorità politiche non possono con sicurezza mantenere i bilanci in equilibrio in base alle richieste provenienti da organismi superiori; ™ perché i partners della preventivabile area valutaria potrebbero risultare politicamente instabili; ™ perché i paesi alleati con economie più disastrate pretenderanno aiuto, versamenti a loro favore oppure essere i destinatari di una buona fetta delle spese dell’unione monetaria; ™ perché il paese non vuole accettare il grado di aggregazione implicito negli accordi dell’area valutaria come ad esempio alcuni livelli comuni in termini di lavoro, legislazione fiscale o politiche sull’immigrazione da paesi limitrofi. Si tratta di una pluralità di circostanze che, però, non sono tutte da ritenere giustificabili dal momento che se non sono rispettati alcuni parametri, i cosiddetti criteri di convergenza, il problema della discrezionalità per l’ingresso o meno non si pone. Tali criteri sono rigide prescrizioni di carattere economico e politico- finanziario che vengono valutate per tastare lo stato della stabilità di un paese; prezzi e tasso di cambio stabili, tasso d’interesse contenuto, ad esempio sono alcuni dei parametri per valutare se una nazione può far parte di un’unione monetaria come nel caso dell’UME. La Gran Bretagna e la Grecia si trovano in situazioni diverse perché la prima, pur avendo i requisiti necessari per ora ha declinato l’invito mentre la seconda non ha offerto le garanzie necessarie. Come lo stesso Mundell faceva osservare in uno dei suoi numerosi scritti, almeno per le prime fasi non è necessaria la partecipazione di più paesi se questi non sono in situazioni politiche ed economiche similari ma è necessario creare uno zoccolo duro che con il tempo può essere la spinta per una lenta ma efficace espansione.

Anteprima della Tesi di Michelangelo Greco

Anteprima della tesi: Le aree valutarie ottimali: la realtà dell'Ume, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michelangelo Greco Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.