Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dallo spot al messaggio autogestito. Tentativi di regolazione della comunicazione politica in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

quest’ultima a sperimentare e primeggiare nell’innovazione dei metodi, presto o tardi entrati anche nel più complesso mondo della politica, dove tuttavia spesso sono stati percepiti come inopportuni. Così le leggi sulla comunicazione politica sono nate in molti casi per frenare l’invadenza dei metodi del marketing commerciale in un mondo in cui il paradigma vendita-consumo non può venire accettato. Lo sfondo unificante che si può leggere nelle legislazioni di tutti i paesi che hanno affrontato il problema, perfino nei liberali Stati Uniti, è il tentativo di ritagliare per la comunicazione politica uno spazio di protezione e di diversità rispetto alla comunicazione commerciale. Le modalità e la profondità di questo distacco segnano le differenze tra le “politiche della comunicazione politica” presenti nei vari stati occidentali. Da questo punto di vista, la normativa deve regolare i rapporti del mondo politico con le modalità di espressione che vigono nel mercato. E’ lecito usare i metodi del marketing commerciale in politica? Quali tra di essi sono opportuni e quali no? Per usare le categorie interpretative proprie della comunicazione d’impresa, utilissime proprio in virtù del confronto che si sta facendo tra il mondo commerciale e quello politico, si potrebbe suggerire l’utilizzo di un concetto già presente nelle discipline aziendali, quello di “macromarketing”. Il problema che esaminerò si potrebbe così classificare come appartenente all’ambito del “macromarketing politico”. Il concetto di macromarketing considera la promozione delle vendite come un’istituzione sociale ed esamina sia gli effetti del marketing sulla società, sia l’impatto delle forze sociali sui sistemi di marketing (Tamborini, 1992, pag.26). Coerentemente con questa visione, il marketing va valutato non solo come tecnica di promozione del singolo soggetto

Anteprima della Tesi di Marco Gui

Anteprima della tesi: Dallo spot al messaggio autogestito. Tentativi di regolazione della comunicazione politica in Italia, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Gui Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1988 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.