Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dallo spot al messaggio autogestito. Tentativi di regolazione della comunicazione politica in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

questione della televisione, degli spot, della propaganda mediatica si giocassero e si stabilissero i rapporti di forza tra le formazioni politiche, senza troppe limitazioni. L’intervento a posizioni già conquistate non poteva che risolversi in uno scontro, di cui la stessa tardività causava la violenza. La par condicio si impone all’attenzione in un momento in cui è evidente una sproporzione nell’uso delle tecniche del marketing politico nelle due coalizioni in competizione. Per di più, tutto fa intravedere un successo dei nuovi metodi di propaganda politica e l’adozione dello stile della comunicazione commerciale sembra premiare chi vi investe. Dall’opposto fronte politico, lo stesso che concepirà la legge 28, si osserva con sospetto questa intromissione del commerciale nel politico, e, sia per la mancanza di mezzi per una efficace competizione sullo stesso piano, sia per una ritrosia pregiudiziale a farlo, si cerca di cavalcare l’avversione di una parte (minoritaria) dell’opinione pubblica verso la politica degli spot. La seconda causa delle peculiarità del dibattito sulla comunicazione politica nel nostro paese, peraltro a tratti sovrapposta alla prima, è riconducibile alla famosa “anomalia italiana”: cioè alla commistione di interessi, persone e logiche competitive tra il sistema dei media e quello della politica. Ecco dunque dipinti i principali tratti del quadro che provoca un’atmosfera di sospetti e recriminazioni reciproche e che produrrà quella spaccatura politica netta di cui dicevamo sopra. E’ questa una questione che voglio solo citare per completezza ma su cui non mi dilungherò, essendo essa del tutto marginale rispetto alla discussione generale sulle modalità di trasmissione dei contenuti politici. Per discutere i diversi modelli di forme della comunicazione politica è necessario un approccio multidisciplinare: gli interessi scientifici che questa materia è in grado di suscitare spaziano dal diritto costituzionale alla

Anteprima della Tesi di Marco Gui

Anteprima della tesi: Dallo spot al messaggio autogestito. Tentativi di regolazione della comunicazione politica in Italia, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Gui Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1988 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.