Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il settore delle Tlc dal monopolio all'ipercompetizione. Il caso Wind

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 fino ad oggi esso ha palesato una crescita esponenziale come preannunciato dalla legge di Moore 1 ; • la digitalizzazione di tutte le informazioni. Essa permette di immagazzinare in linguaggio binario e trasmettere mediante, oramai, ogni tipo di supporto sia fisso che mobile tutti i tipi di informazione; • il consistente aumento della capacità trasmissiva di tutti i collegamenti in telecomunicazione attraverso il normale “doppino” telefonico, le fibre ottiche, il satellite. Sul versante normativo la deregulation che avanza in molti paesi soprattutto europei può accelerare tale soluzione; • la miniaturizzazione delle batterie e degli elaboratori consente la realizzazione di molti prodotti ad alto contenuto elettronico e tecnologico; • i progressi nella tecnologia a commutazione digitale e del networking, permettono la trasmissione di tutte le informazioni (audio, video, dati, voce) tra diversi tipi di terminali situati in tutte le parti del mondo. 1 Gordon Moore, uno dei fondatori della Intel, aveva previsto nel ‘65 il raddoppio della capacità dei chip ogni anno. Dieci anni dopo annunciò che il raddoppio si sarebbe verificato ogni due anni.

Anteprima della Tesi di Arturo Iorio

Anteprima della tesi: Il settore delle Tlc dal monopolio all'ipercompetizione. Il caso Wind, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Arturo Iorio Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3555 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.