Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli immigrati e il mercato del lavoro in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 1. Popolazione residente. L’ammontare della popolazione 1 è passato da 26.328.mila nel 1861 a 56.306mila 2 circa nel 2001, incrementandosi più del dop- pio con uno sviluppo che è risultato sufficientemente regolare nel tempo e piuttosto contenuto. La lieve flessione dell’ultimo decen- nio segnalata dai dati provvisori del censimento del 2001 rispetto a quelli definitivi del censimento del 1991, è almeno in parte, do- vuta al fatto che mancano ancora i dati di alcuni comuni medio- grandi. Nell’ipotesi che il perfezionamento delle operazioni pro- duca un recupero simile a quello verificatosi nel 1991, (circa 300mila unità), l’ammontare della popolazione potrebbe attestarsi intorno si 56.650mila unità. Il tasso medio annuo di incremento 3 è stato, nei successivi pe- riodi intercensuali sempre al di sotto del dieci per mille 4 . 1 Le modificazioni di carattere quantitativo di una popolazione sono determinate dall’aumento o dalla diminuzione del numero dei suoi componenti. L’aumento può essere conseguente all’arrivo di nuovi nati (N) o dall’afflusso di immigrati (I); la diminuzione può essere prodotta dalla perdita dei morti (M) o dal deflusso degli emigrati (E). Pertanto l’equazione della popolazione in un determinato periodo di tempo, è la seguente : Pt – Po = N – M + I - E 2 Dato provvisorio Istat relativo al Censimento del 2001. I risultati provvisori del 14° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni sono stati pubblicati dall’Istat on-line sul sito www.dawinci.istat.it 3 La variazione media è calcolata dall’Istat in base alla formula dell’interesse composto, prendendo come intervallo di tempo quello che intercorre tra le date dei vari censimenti 4 Il valore più alto è stato 8,6 per mil.le registratosi sia nel 1901-11 che nel 1921-31.

Anteprima della Tesi di Monica Silvina Potenziani

Anteprima della tesi: Gli immigrati e il mercato del lavoro in Italia, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Monica Silvina Potenziani Contatta »

Composta da 272 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16725 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.