Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Invecchiamento della popolazione, stato sociale e assistenza agli anziani

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

comunità di provenienza è generalmente superiore a quello del paese ospitante e che la popolazione femminile immigrata è in età fertile; ad aumentare i tassi di partecipazione e l’offerta di lavoro, particolarmente in alcuni segmenti del mercato. Come si noterà in seguito, i flussi di immigrazione netta costituiscono un fattore di ostacolo del processo di invecchiamento con effetti parzialmente compensativi. Inoltre, già oggi l’immigrazione, purchè abbia alcune determinate caratteristiche, è vista come un’importante opportunità di fronte, da una parte, alla prospettiva di crisi dei sistemi pensionistici vigenti e alla crescente domanda di assistenza della popolazione anziana, dall’altra. Fig. 3 Nel corso degli ultimi 30 anni il tasso di accrescimento della popolazione, tenuto conto anche delle direzioni dei flussi migratori, si è contratto quattro decimi di punto nei paesi OCSE (tab. 1), passando dall’1.2% medio annuo del periodo 1950-70 allo 0.8 dei tre decenni successivi. Negli stessi periodi l’accrescimento della popolazione anziana ha superato di oltre un punto percentuale quello complessivo, così che il rapporto di dipendenza, cioè il rapporto fra popolazione anziana di età superiore a 64 anni e popolazione in età di lavoro compresa tra i 15 e i 64 anni, è aumentato dal 15.4% del 1970 al 19.6% dell’anno 2000. Le proiezioni al 2050 fanno emergere, da un lato, l’ulteriore rallentamento della crescita della popolazione complessiva e la sua contrazione in molti paesi; dall’altro, l’ampliamento della sua differenza di accrescimento rispetto alla popolazione anziana, differenza che diviene ancora più accentuata per le persone in età di lavoro e che tende a posizionarsi in prossimità dell’1.5% medio annuo. La proiezione delle tendenze demografiche recenti sui tassi di fertilità, su quelli di mortalità e sulla consistenza dei flussi netti di immigrazione, prospetta così per tutta l’area OCSE -1 0 1 2 3 R e p . C e c a I t a l i a S p a g n a G i a p p o n e U n g h e r i a P o l o n i a A u s t r i a G e r m a n i a P o r t o g a l l o F r a n c i a C a n a d a I r l a n d a O l a n d a N o r v e g i a B e l g i o U S A N . Z . S v e z i a U . K . D a n . 0 15 30 45 65+ 20-64 dipend.(dx) Variazione del rapporto di dipendenza tra il 2000 e il 2050 e tassi di crescita m.a. della popolazione per fasce di età Fonte: elaborazioni su dati OCSE e ONU

Anteprima della Tesi di Carlo Di Marzio

Anteprima della tesi: Invecchiamento della popolazione, stato sociale e assistenza agli anziani, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Carlo Di Marzio Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19959 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.