Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli di persistenza dei profitti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Bibliografia Nel terzo capitolo si definiscono i principali modelli empirici con i quali si è cercato di affrontare il problema della persistenza dei profitti. Si evidenziano i difetti derivanti dalla loro applicazione, i problemi relativi alla scelta dei dati e le variabili determinanti il grado di concorrenzialità di un settore. Infine, vengono date alcune indicazioni sui risultati empirici raggiunti applicando i modelli di persistenza dei profitti ai dati di alcune importanti economie mondiali. Il quarto capitolo, dopo avere esposto il fenomeno dei gruppi di impresa, averne definito le tipologie e le possibili spiegazioni dell’esistenza, commenta i risultati raggiunti con l’applicazione del modello di persistenza ad una unità di analisi che non è la singola impresa, ma il gruppo stesso. Le conclusioni riassumono e commentano i principali risultati.

Anteprima della Tesi di Riccardo Chiaramonte

Anteprima della tesi: Modelli di persistenza dei profitti, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Chiaramonte Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 898 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.