Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli di persistenza dei profitti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Bibliografia comportamenti e risultati. La ricerca dovrebbe, invece, concentrarsi verso teorizzazioni basate sulle specificità di singoli settori ed aventi un carattere previsionale. 1.4 Un cenno agli strumenti di rilevazione empirica Gli strumenti di rilevazione empirica utilizzabili per analizzare la concorrenza e cercare di effettuare previsioni possono seguire diversi tipi di approcci previsivi. Questi si basano, in genere, sulla formulazione di modelli, che in una prima fase considerano valide per il futuro le relazioni verificate nel passato, ipotizzando successivamente alcune delle possibili modificazioni dei parametri che in dette relazioni figurano. Possiamo distinguere l’approccio estrapolativo, quello simulativo e quello normativo. L’approccio estrapolativo si basa sull’ipotesi di costanza dell’andamento delle variabili del modello, precedentemente osservato e spiegato più o meno esplicitamente in funzione della variabile “tempo”. Rilevante importanza ha la variabile temporale, che spiegherebbe gran parte della variabilità passata del fenomeno in esame, consentendo di prevederne i valori futuri. La previsione può essere ottenuta mediante estrapolazione della serie storica in esame, per via grafica od analitica (mediante funzioni estrapolatrici).

Anteprima della Tesi di Riccardo Chiaramonte

Anteprima della tesi: Modelli di persistenza dei profitti, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Chiaramonte Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 898 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.