Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumenti ''ibridi'' partecipativi: profili tipologici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE -6- ritenute frequentemente come la forma intermedia tra “azione” e “obbligazione” più comune 8 , le quali, se da un lato attribuiscono tutti i diritti normalmente ricollegati ad un prestito obbligazionario, dall’altro sono munite “di un diritto di opzione, esercitabile da parte del possessore, alla conversione del valore di rimborso dell’obbligazione in valore di acquisto o sottoscrizione di azioni dell’emittente (procedimento diretto) o di altre società (procedimento indiretto)” 9 . Ancora più al confine tra azioni ed obbligazioni si colloca la nuova disciplina delle azioni di risparmio, così come riformata dagli artt. 145 ss. del Testo unico delle disposizioni in materia di finanziamento: le obbligazioni, cit. p. 262 ss. Nella nostra letteratura sottolinea il carattere di “prestazioni di rischio” dei prestiti subordinati ed irredimibili, PORTALE, “Prestiti subordinati� e �prestiti irredimibili�, in Banca borsa tit. cred., 1996, I p. 6 ss.. 8 V. LIBONATI, Titoli di credito e strumenti finanziari, cit., p. 228 (“Gli è che l’obbligazione convertibile ha in se un valore potenziale che la che la individua e la connota ab origine, come modello bivalente in sequenza, dapprima obbligazione e poi (a scelta dell’investitore) azione, ma pronto fin dal primo momento, quando è obbligazione, ad essere azione, in un contesto di procedure e di discipline prestabilite e già operative”). Si è osservato, peraltro che l’obbligazione convertibile è solo economicamente e non anche giuridicamente una figura intermedia tra l’azione e l’obbligazione, poiché diritti corporativi esistono solo dal momento in cui viene esercitato il diritto di conversione, mentre prima di tale momento la posizione del titolare è quella di un mero obbligazionista: così LUTTER, in Kolner Komm. Zum Aktiengesetz, 2 ed., Bd. 5/1, Koln-Berlin, 1995, par. 221, Rdn. 92, p. 549; in senso analogo nella nostra letteratura, CAMPOBASSO, Le obbligazioni, cit., pp. 446-447, il quale ritiene “inaccettabile l’affermazione risalente e tutt’ora ripetuta secondo cui le obbligazioni convertibili sarebbero titoli intermedi tra l’azione e l’obbligazione”, dal momento che “fino all’esercizio del diritto di conversione l’obbligazionista è un creditore della società, in quanto il diritto al rimborso della somma erogata ed alla remunerazione periodica convenuta non si atteggiano diversamente da quelli dell’obbligazionista ordinario”; considera, invece, superfluo chiedersi se con l’obbligazione convertibile “ci si trovi davanti a un tertium genus fra obbligazione ed azione” LIBONATI, Titoli di credito e strumenti finanziari, cit., pp. 228-229, secondo il quale “probabilmente è un problema di scelta semantica. Il richiamo a un tertium genus può però apparire, per molti versi, riduttivo, in quanto non esprime la ricchezza giuridica della costruzione, univoca ma, alternativamente, in due diverse raffigurazioni”. 9 Così, STAGNO D’ALCONTRES, voce, Le obbligazioni, cit., p. 788.

Anteprima della Tesi di Francesco Dagnino

Anteprima della tesi: Strumenti ''ibridi'' partecipativi: profili tipologici, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Dagnino Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7589 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.