Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sistemi di sospensione attiva con molle ad aria per autoveicoli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 2 2. Richiami di Meccanica del Veicolo 2.1. Premesse Il presente capitolo riporta, in forma sintetica, la nomenclatura e le metodologie usuali nello stu- dio del comportamento dinamico degli autoveicoli, al fine di consentire la lettura della tesi anche a coloro che non si siano mai occupati in modo specifico della Meccanica del Veicolo. 2.2. I modelli di veicolo a 4 ruote Un’autovettura è un sistema complesso, che viene studiato utilizzando diversi modelli: il più sem- plice è un modello “a bicicletta” a due o tre gradi di libertà, in cui le ruote di ogni assale sono vi- ste come un’unica entità e che non tiene conto dei trasferimenti di carico, oppure il modello di veicolo rigido, privo di sospensioni, che è un sistema a 3 g.d.l. Aumentando la sofisticazione, si trovano modelli a 6 g.d.l., nei quali le ruote sono considerate ri- gide e prive di massa e il loro moto relativo rispetto alla cassa è di pura traslazione verticale (“scuotimento”, come viene definito solitamente). Tra i pneumatici e la cassa sono interposte le sospensioni, ognuna costituita da una molla e da uno smorzatore ideali. Dunque il modello si ri- duce a un corpo rigido su quattro appoggi elastici smorzati. Per gli studi più approfonditi il modello può avere 10 g.d.l., se si considerano anche la rigidezza (ed eventualmente lo smorzamento interno) dei pneumatici e la massa delle ruote e degli elementi ad esse solidali (mozzo, freni, cuscinetti, bracci di sospensione etc.), ovvero le cosiddette masse non sospese. In tale caso si hanno informazioni aggiuntive utili soprattutto per lo studio dei moti di oscillazione verticale della vettura, e quindi del suo comfort di marcia. Per il comportamento direzionale, invece, si ottiene una buona approssimazione anche utilizzando il modello a 6 g.d.l. 5

Anteprima della Tesi di Lorenzo Serrao

Anteprima della tesi: Sistemi di sospensione attiva con molle ad aria per autoveicoli, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Lorenzo Serrao Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8425 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.