Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 clamoroso e totale.” 23 Questo processo, per Nietzsche, ha le sue radici nel mondo greco che, specificatamente con Socrate e Platone, ha contrapposto un mondo ritenuto “vero” e portatore di valori assoluti al mondo vissuto, reale, che è stato così svalutato e negato. Fondamentale diviene l’incontro del cristianesimo con il platonismo. Il cristianesimo esalta, infatti, agli occhi di Nietzsche, quel trascendere il mondo già presente in Platone con la distinzione tra mondo sensibile e mondo ideale. Non possiamo seguire qui l’articolata analisi che Nietzsche dedica al cristianesimo e alla morale tradizionale, che lo conducono a criticarne i valori, dimostratisi falsi, “per dire di ‘si’ alla vita con la dottrina dell’eterno ritorno e la affermazione della ‘volontà di potenza’ come impegno a realizzare pienamente la vita in tutte le sue possibilità, quelle possibilità che la morale e la religione tradizionali hanno negato e mortificato.” 24 Il nichilismo nietzschiano non va però confuso con una semplice attività smascherante che dissolve falsi orizzonti di senso. Egli, più a fondo, evidenzia il forte indissolubile legame tra tutta la nostra tradizione culturale e il nichilismo stesso. All’interno e al culmine di questo legame si fa sentire, in tutta la sua potenza, l’annuncio della morte di Dio. “Dio muore al culmine della metafisica occidentale che ha cercato la verità sotto il velo dell’apparenza, fino a mettere in questione l’Ente che garantiva la saldezza millenaria di tutto il complesso architettonico.” 25 Venuto meno Dio, viene meno l’idea di uomo – “fune sospesa tra l’animale e il superuomo, – una fune sopra l’abisso.” 26 –. “La morte di Dio esige il sorgere di una specie superiore all’umanità storica in grado di reggere allo sgretolamento di ogni orizzonte che fa seguito al 23 Verra, Valerio, op. cit., pag. 778 col. 2 24 Ivi, pag. 779 col. 1 25 Vercellone, Federico, op. cit., pag. 67 26 Nietzsche, Friedrich W., Così parlò Zarathustra, Prefazione di Zarathustra, § 4, Roma, Newton Compton, 1980, pag. 32

Anteprima della Tesi di Antonio Spinelli

Anteprima della tesi: L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Spinelli Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7063 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.