Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 E’ indubitabile che Verra sia riuscito nell’intento di fermare nella sua essenzialità il “nichilista”. Si deve però sottolineare il fatto che il nichilismo incarnato dai personaggi di Dostoevskij è suscettibile di sviluppi più complessi, di tematiche di più ampio respiro. I tratti sopra riportati sono sicuramente più aderenti al protagonista del romanzo di Ivan Turgenev, apparso nel 1862, Padri e figli, in cui la figura del nichilista appare per la prima volta nella letteratura mondiale. Lungi dal voler esaurire in questa sede l’analisi di un’opera che ha significati e rimandi più profondi 4 , in effetti il romanzo trova il suo perno nei pensieri e nell’azione di Bazarov, un giovane medico e scienziato che si pone come “eroe della negazione” 5 , pronto a rompere con le tradizioni, con l’autorità, con l’immobilismo paralizzante della società russa, di fronte alla quale il protagonista decide di assumere un atteggiamento severo di denuncia delle apparenze, delle forme vuote del comportamento irrigidito dal senso comune e dalle menzogne silenziose, ma fortissime che cementano i rapporti personali. Si presenta qui uno dei momenti cruciali del romanzo, quello del confronto- scontro tra due modi di vivere, di porsi verso il mondo, opposti: Pavel Petrovic Kirsanov e Bazarov. Bazarov, costantemente votato alla ricerca della verità per smascherare i principi ritenuti assodati, è definito da Arkadij, suo amico e potremmo dire allievo, “nichilista” e più avanti spiega: “Un nichilista è un uomo che non s’inchina davanti a nessuna autorità, che non accetta nessun principio come fede, di qualunque rispetto questo principio sia circondato” 6 . Bazarov ci conduce nel suo cammino fatto di disancoraggio dalla 4 Cfr. Vercellone, Federico, Introduzione a Il nichilismo, Roma-Bari, Laterza, 1994, pagg. 42-43; Strada, Vittorio, “Leggendo Padri e Figli”, in “Tradizione e rivoluzione nella letteratura russa”, Torino, Einaudi, 1969, pagg. 15-45 5 Vercellone, Federico, op. cit., pag. 43 6 Turgenev, Ivan, Padri e figli, Torino, Einaudi, 1998, pagg. 26-27

Anteprima della Tesi di Antonio Spinelli

Anteprima della tesi: L'impossibilità del negativo. Il problema del nichilismo in Fedor M. Dostoevskij, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Spinelli Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7061 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.