Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Leggo City in Metro. Viaggio nel fenomeno della free press

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ad un pubblico per certi versi elitario. Ne deriva una condizione unica al mondo: i quotidiani più autorevoli sono contemporaneamente i più diffusi. In tutti gli altri paesi, infatti, esiste una netta distinzione tra i quality papers (giornali d’opinione), a cui appartengono le testate più accreditate, ed i quotidiani popolari, come i tabloid inglesi, che raggiungono un numero più alto di vendite. In Italia, di conseguenza, per molto tempo i periodici hanno rappresentato l’unica via d’accesso alla lettura per molti segmenti della popolazione. Su queste variabili sociali, che indicano una problematicità propria della comunità e dell’identità collettiva, si innestano una serie di punti di crisi, relativi al prodotto e alla professione giornalistica, che investono l’intero sistema informativo. Fattori che occorre individuare, tematizzare ed analizzare. 1.3 Il ruolo della stampa nel mondo dell’informazione contemporanea 1.3.1 Utopie e paure nell’era del villaggio globale Il nuovo millennio ha aperto le porte. Nuovi scenari si manifestano nella loro complessità. L’industria della comunicazione e della informazione (e l’industria culturale in senso più ampio) si è estremamente ampliata nell’ultimo quarto del Novecento. Assieme a quella della conoscenza e dei servizi, è diventata uno dei motori della società post-industriale e post-moderna. Le nuove possibilità di comunicazione multimediale alimentano fenomeni come la globalizzazione, cioè, veicolano con successo il nuovo mercato cosmopolita. 24 Il “villaggio globale” manifesta i suoi interessi planetari, le sue ideologie e culture sociali, il suo fascino ed i suoi rischi. Le utopie globaliste oscillano dinanzi alla prolungata recessione dell’economia statunitense; il quadro politico e militare internazionale si delinea tra i più complicati dalla seconda guerra mondiale. I mercati delle Ict “traballano”, appesantiti dalla recessione dei consumi e da un’accresciuta concorrenza tra i media. Nello scenario del sistema informativo, emerge “il nuovo emporio del potere verso cui tutti si orientano, un nuovo servizio che, più di ogni altro, prefigura habitus e habitat del nuovo millennio” 25 : Internet, creatore di opportunità e nuove risorse, sovvertitore delle regole del 24 C. Carboni, “Il giornalismo in età post-moderna”. Tecnologie, mercato, società e nuove forme di potere”, cit., p. 79 25 Ibidem

Anteprima della Tesi di Arianna Fabiana De Chiara

Anteprima della tesi: Leggo City in Metro. Viaggio nel fenomeno della free press, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Arianna Fabiana De Chiara Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12493 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.