Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Leggo City in Metro. Viaggio nel fenomeno della free press

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

diversificazione. 30 La società sta cambiando velocemente, lasciando alla stampa il difficile compito di interpretare tali mutamenti. “Il media gap tra comunicazione interpersonale e comunicazione di massa si sta gradualmente rischiudendo. In altre parole, anche la società civile si sta mediatizzando”. 31 Caratteristica distintiva dei nuovi servizi telematici di comunicazione è l’interattività. Secondo Pierre Levy, Internet, offrendo un cyber spazio in cui la comunicazione è simmetrica, cambierà il tradizionale scenario dominato dall’unidirezionalità e dalla linearità dei processi di informazione. 32 I servizi interattivi potrebbero costituire un incentivo alla crescita della comunicazione orizzontale nella società, favorendo la nascita di nuovi gruppi, di nuovi legami sociali. Internet, inoltre, potrebbe facilitare la comunicazione verticale esistente tra cittadini e stato. Secondo Levy ciò favorirebbe la trasparenza del potere e la crescita di un’intelligenza associata tra i soggetti in rete 33 . Lasciando da parte l’utopia dell’avvento della democrazia elettronica, possiamo affermare che Internet rappresenta, nei paesi in via di sviluppo, sottoposti a gravi limitazioni della libertà, uno spazio di comunicazione e informazione senza barriere, un forte strumento per la diffusione della democrazia. 34 Nuove regole e nuove idee vengono create dalla cittadinanza digitale. Nell’epoca dei new media, le comunità percepiscono l’inadeguatezza della democrazia rappresentativa tradizionale. Tuttavia, in Occidente, Internet stenta ad associarsi al tema della democrazia, restando piuttosto legato alle logiche di mercato. In rete l’individuo viene visto non come cittadino digitale, secondo una corretta relazione tra informazione e opinione pubblica 35 , ma come consumatore. La nuova frontiera del digitale manifesta le sue contraddizioni: l’esistenza di un profondo knowlegde gap tra i differenti strati della popolazione rappresenta un forte ostacolo alla creazione di nuove regole della democrazia. Solo una reale e capillare diffusione delle NT renderà la comunicazione realmente simmetrica ed orizzontale. La speranza di creare una democrazia digitale è dunque fortemente legata alla necessità di un’alfabetizzazione informatica. Rischio evidente di una mancata “educazione” di massa è lo sviluppo di 30 In proposito cfr. M. Morcellini, “Il difficile racconto del mutamento: la crisi di relazione tra giornalismo e società italiana”, cit. 31 Jo Bardoel, “Una professione tra società dell’informazione e società civile”, Problemi dell’informazione, giugno 1998, n.2, p.207 32 Su queste tematiche cfr. C. Carboni, “Il giornalismo in età post-moderna. Tecnologie, mercato, società e nuove forme di potere”, cit. 33 In proposito cfr. P. Levy, “Dal confronto mediatico alla cyberdemocrazia”, in Problemi dell’informazione, 2001, nn. 2-3, e D. De Kerekhove, “Alla ricerca dell’intelligenza interconnettiva”, in è-journal, 21 novembre 2001. 34 Su questo argomento cfr. S. Rodotà, Tecnopolitica. La democrazia e le nuove tecnologie della comunicazione. 35 Su questo argomento cfr. J. Habermas, Teoria dell’agire comunicativo,Bologna, Il Mulino, 1986, 2 voll. e Storia e critica dell’opinione pubblica, Roma-Bari, Laterza, 1998.

Anteprima della Tesi di Arianna Fabiana De Chiara

Anteprima della tesi: Leggo City in Metro. Viaggio nel fenomeno della free press, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Arianna Fabiana De Chiara Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12493 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.