Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Maastricht: la legittimità della costruzione europea nel dibattito tedesco

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

denominata la fase di convergenza, in cui il Sistema Monetario Europeo (SME) deve essere completato. Ciò consiste nell'obbligo di ogni Stato membro di rimuovere le restrizioni sulle transizioni di capitali e pagamenti, nel vietare qualsiasi accesso privilegiato del settore pubblico alle istituzioni finanziarie e nell'adottare programmi pluriennali destinati ad assicurare la durevole convergenza necessaria alla realizzazione dell'Unione economica e monetaria, in particolare per quanto riguarda la stabilità dei prezzi e la solidità delle finanze pubbliche. Tutto questo dovrà essere raggiunto entro il 1 Gennaio 1994, data d'inizio della fase di transizione, in cui l'Istituto Monetario Europeo (IME), che non è nient'altro che il precursore della Banca centrale europea (BCE), entrerà in funzione. Nella terza fase dell'UEM l'intera politica monetaria degli Stati membri sarà esercitata dalla CE; a tal fine saranno istituiti il SEBC e la Banca Centrale Europea, completamente indipendenti dalle singole politiche nazionali. Quest'ultima fase dipenderà dal numero degli Stati membri che soddisfino i criteri di convergenza relativi alla stabilità dei prezzi, al tasso di interesse, al deficit e al debito pubblico 10 ; se entro la fine del 1996 la maggioranza degli Stati membri saranno conformi a queste condizioni, la terza fase potrà iniziare, altrimenti essa slitterà al più tardi al 1 Gennaio 1999. 11 In questa prima parte della sentenza è inoltre sottolineata la definizione della cittadinanza europea istituita dall'art. 8 del TCE, la quale deriva dalle cittadinanze di ogni singolo Stato membro; essa garantisce il diritto di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri, come anche il diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni comunali e del Parlamento europeo nello Stato membro in cui risiede. Infine, ogni cittadino europeo gode nel territorio di un paese terzo, nel quale lo Stato di cui ha la cittadinanza non è rappresentato, della tutela da parte delle autorità diplomatiche e consolari di qualsiasi Stato membro. 12 La ratifica del Trattato di Maastricht ha comportato necessariamente un adattamento della Legge fondamentale tedesca alle novità introdotte dal sistema comunitario. La Corte di Karlsruhe riporta le modifiche che hanno subito alcuni degli 10 Art 109J TCE. 11 BVerfGE 89/155, A I b3. 12 BVerfGE 89/155, A I b1.

Anteprima della Tesi di Cristina Fato

Anteprima della tesi: Maastricht: la legittimità della costruzione europea nel dibattito tedesco, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cristina Fato Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4244 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.