Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Maastricht: la legittimità della costruzione europea nel dibattito tedesco

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. 3 Le contestazioni costituzionali alla Legge di ratifica del Trattato di Maastricht. Il Trattato sull'Unione europea crea "Ein Europa der Führer" 15 : ecco le parole del rappresentante legale di parte, Karl Albrecht Schachtschneider, alla Corte di Karlsruhe, che descrivono sinteticamente e perentoriamente l'interpretazione degli sviluppi del processo europeo intrapresi a Maastricht, comune denominatore dei ricorsi presentati. 16 . Il primo ricorso, di ispirazione più conservatrice, è stato depositato da Manfred Brunner presidente al Gabinetto del Commissario tedesco europeo Martin Bangemann nel 1992, ma che poi lasciò l'incarico nel settembre dello stesso anno, a causa della sua disapprovazione per la ratifica tedesca al Trattato di Maastricht. Le contestazioni che solleva fanno riferimento sostanzialmente ad una presunta perdita di sovranità del popolo tedesco eventualmente determinata dallo spostamento di competenze dal legislativo all'esecutivo; al contrario il secondo ricorso, depositato da quattro membri del Parlamento europeo del partito dei Grünen, quindi di stampo più "progressista", sottolinea la violazione dei diritti fondamentali di ogni cittadino tedesco tutelati dalla GG, generata della stipulazione del Trattato di Maastricht e, più in generale, dal processo di costituzionalizzazione dell'unificazione. Le contestazioni del primo ricorso, relative alla ratifica del Trattato di Maastricht, riguardano innanzitutto la violazione dell'art. 38 della GG, il quale garantisce il diritto di ogni singolo cittadino di legittimare democraticamente la rappresentanza parlamentare attraverso le elezioni, cosicché protegga il diritto di partecipare all'esercizio del potere statale sancito dall'art. 20 par. 2 (Tutto il potere statale emana dal popolo. Esso è esercitato dal popolo per mezzo di elezioni e di votazioni e per mezzo di organi speciali investiti di poteri legislativo, esecutivo e giudiziario). Questo diritto sarebbe sminuito, in quanto il Trattato di Maastricht assegna poteri fondamentali del Parlamento tedesco ad istituzioni governative delle Comunità 15 K. A. Schachtschneider, Verfallserscheinung der Demokratie, Eg- Magazin Nr. 1-2/93, p. 40. 16 2 BvR 2134/92 e 2 BvR 2159/92, Europäische Grundrecht Zeitschrift 20 1993, pp. 429-446.

Anteprima della Tesi di Cristina Fato

Anteprima della tesi: Maastricht: la legittimità della costruzione europea nel dibattito tedesco, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cristina Fato Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4244 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.