Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Maastricht: la legittimità della costruzione europea nel dibattito tedesco

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

conseguentemente, il mantenimento della coesione del tutto e della sua conservazione; nel secondo caso lo Stato è considerato lo strumento con cui gli individui perseguono i propri diritti ed i propri interessi. I due massimi referenti del Novecento a cui fanno capo queste due diverse accezioni sono Carl Schmitt e Hans Kelsen che imprimeranno una forte influenza nel pensiero politico fino alla fine del secolo e che riassumono perfettamente con le rispettive teorie due modi diametralmente opposti di considerare lo Stato: primato della politica o del diritto, ecco i due grandi poli teorici del nuovo costituzionalismo a cui tutt’oggi il dibattito europeo fa attenzione. La peculiarità del contesto tedesco durante gli anni della divisione ha, inoltre, permesso che in Germania molti anni prima che negli altri Paesi europei , concetti quali nazione, popolo e cittadinanza fossero messi già in discussione. Per trent'anni inevitabilmente parlare d'identità e di nazione tedesca è diventato notevolmente problematico, non solo per un passato storico opprimente che ha reso inquietante il pensare ad una Nazione tedesca, ma soprattutto perché i due Stati vivono due esperienze del dopoguerra diametralmente opposte. Nei dibattiti politici e filosofici tedeschi, per di più, la fine della seconda guerra mondiale è stata interpretata come l'inizio di un'epoca nuova, un'occasione inedita per ripensare ai concetti tradizionali di Stato e di cittadinanza, affinché il modello dello Stato nazionale, rilevatosi disastroso per la Germania, fosse definitivamente sorpassato. Nel 1989 la Germania torna ad essere uno Stato unito, ma ciò non mette a tacere i dibattiti intorno alla possibilità di una società postnazionale. La firma nel 1992 del Trattato di Maastricht porta tutti gli Stati membri ad una riflessione approfondita sulla notevole influenza che l'Unione europea ha e potrà avere sulle singole strutture statali, mettendo in campo la possibilità che il processo europeo possa rappresentare l'inizio della costruzione di una "società postnazionale", la stessa discussione già intrapresa da lungo tempo nella Repubblica federale tedesca e che ora riguarda l'intera Europa. L'interpretazione delle categorie tradizionali dello Stato moderno sovranità – popolo- territorio diventa cruciale in considerazione dei possibili sviluppi dell'Unione europea. Per la Corte questi costituiscono gli elementi fondativi dello Stato moderno e

Anteprima della Tesi di Cristina Fato

Anteprima della tesi: Maastricht: la legittimità della costruzione europea nel dibattito tedesco, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cristina Fato Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4244 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.