Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'economia della palude e l'economia del mare nell'Alto Adriatico romano: immaginario antico e nuove prospettive esegetiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 geografica, è innegabile che la povertà lessicale delle lingue classiche nei confronti di ambienti quali la palude o il deserto sia indice di una “refrattarietà ad aprirsi a nuove realtà, intuite come mondi lontani e favolosi in quanto ‘altri’”. 9 E tuttavia, per richiamare quanto sarà esposto nel capitolo I, è evidente come da Eschilo a Strabone, da Virgilio a Livio, si riconosca un progredire delle conoscenze storico-geografiche, fatto che trova la sua controparte nella ‘terminologia’ del mare e in quella della ‘palude’: così, mentre Teopompo parlava di   , i tragici e Apollonio, seppur nell’aura del mito, sembrano insistere maggiormente su   e , dunque sulla connotazione palustre o, per così dire, ‘umida’, dell’ambiente veneto. Un osservatore privilegiato come Strabone, poi, si sofferma a descrivere l’incredibile fenomeno della marea che, soltanto in questo lembo di Adriatico, si distingue per la sua eccezionalità. Strabone, ‘osservatore esterno’, una conoscenza, la sua, che potremmo definire ‘dal mare’: dallo storico di Amasea non si discosta molto la posizione di un ‘osservatore interno’, il patavino Livio, la cui conoscenza ‘dalla terraferma’ lo porta comunque a mettere in luce la spiccata adriaticità del Venetorum angulus. In ogni caso, se vogliamo ricostruire l’assetto e i problemi sottesi a sistemi ‘marginali’ come la palude, dobbiamo valutare le fonti classiche con una certa cautela e, in certi casi, rileggerle attentamente. Le descrizioni letterarie, infatti, rispondono frequentemente a stereotipi preconcetti, tanto che il ‘paesaggio marginale’ può venire idealizzato secondo canoni di positività o di negatività. Sarebbe quindi un’operazione impossibile studiarne l’evoluzione senza l’ausilio delle fonti archeologiche, anche se la cultura materiale non può sempre aprirci spiragli sui mutamenti antropologici dovuti alla trasformazione dei territori, almeno per quanto riguarda il comprensorio che a noi interessa. Come sottolinea Traina, definire la palude antica non consiste tanto nel materializzarla, quanto nel darle una dimensione storica. 10 Le paludi, infatti, sebbene 9 TRAINA 1988, p. 44, si propone di tracciare una sintesi storico-geografica sul ruolo assunto dalle aree paludose nel mondo antico, indicandone aspetti positivi e negativi, nell’intenzione di sfatare alcuni miti e di inserire il ‘tema palude’ nel più complesso quadro del paesaggio antico. Attraverso un confronto sistematico delle testimonianze letterarie, ne consegue anche una nuova lettura storica delle bonifiche antiche, in grado di individuarne i limiti e l’entità effettiva. In particolare, l’autore sembra voler dimostrare come la documentazione scritta consenta il ripensamento di alcuni luoghi comuni, sia ‘primitivisti’ che ‘modernisti’, sull’economia rurale del mondo antico. 10 TRAINA 1988, p. 51.

Anteprima della Tesi di Irene Cao

Anteprima della tesi: L'economia della palude e l'economia del mare nell'Alto Adriatico romano: immaginario antico e nuove prospettive esegetiche, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Irene Cao Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2141 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.