Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi degli aspetti tecnici e comunicativi dello spamming sulla base di informazione documentaria e di test effettuati in rete

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2. Definizione 10 rischia di punire un innocente. Il terzo criterio della definizione di Templeton è pericoloso perché non pone il destinatario al riparo da abusi perpetrati da qualcuno con cui è in relazione. La caratteristica comune di molte definizioni che si possono trovare in rete oggi è che lo spamming è un disturbo di livello e continuità tali da ostacolare la possibilità di comunicare. Tutte queste definizioni sono fatte dal punto di vista di chi si trova a dover pagare per lo spamming. 2.2. La definizione scelta Una definizione breve, che restringe l’ambito di azione e identifica il fenomeno come inteso oggi, è quella trovata presso Infinite Monkeys & Company15. Credo che il significato più comune del termine spam, al giorno d’oggi, rientri quasi sempre in questa definizione. Io ho scelto proprio questa definizione come riferimento perché mi sembra al tempo stessa precisa ma non troppo restrittiva. «Lo spam su Internet consiste di uno o più messaggi non sollecitati (1), spediti o affissi come parte di un insieme più grande (2) di messaggi, tutti aventi sostanzialmente lo stesso contenuto (3).» 16 La definizione è firmata da ottanta persone (imprenditori, giornalisti, programmatori, consulenti e analisti informatici, sviluppatori, amministratori di sistema) tra cui: Ronald F. Guilmette, primo firmatario e presumibilmente autore; Julian Haight, di SpamCop, e George W. Mills, della EuroCAUCE (European Coalition Against Unsolicited Commercial Email), solo per citarne alcuni. L’autore di questa definizione ha avuto l’accorgimento di precisare alcuni punti, per evitare malintesi. (1) Non sollecitati. È importante capire cosa costituisce una esplicita sollecitazione alla comunicazione elettronica e cosa no. Una tale sollecitazione è decisa consapevolmente da parte di chi ric everà la conseguente comunicazione elettronica. 15 Infinite Monkeys & Company (http://www.monkeys.com) è un’azienda americana specializzata nel design e nello sviluppo di sistemi informatici di sicurezza. 16 Infinite Monkeys & Company , Spam defined , http://www.monkeys.com/spam-defined/definition.shtml (consultato il 16 luglio 2002). Versione originale nell’allegato 12.1.

Anteprima della Tesi di Marco Fare

Anteprima della tesi: Analisi degli aspetti tecnici e comunicativi dello spamming sulla base di informazione documentaria e di test effettuati in rete, Pagina 10

Tesi di Laurea

Autore: Marco Fare Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 522 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.