Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi degli aspetti tecnici e comunicativi dello spamming sulla base di informazione documentaria e di test effettuati in rete

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2. Definizione 5 2. Definizione Il problema della definizione di spamming non è così semplice come potrebbe sembrare a prima vista. Innanzitutto, vorrei distinguere spamming e spam: con spam si intende il messaggio di posta elettronica non richiesto, inviato a molti indirizzi. Con spamming si indica il fenomeno nel suo complesso. Tuttavia , questa distinzione non è sempre usata in modo tassativo: talvolta si usa spam anche per indicare il fenomeno. Gli spammer, invece, sono coloro che inviano i messaggi di spam. In rete sono reperibili altre denominazioni e definizioni: - junk e-mail, e-mail spazzatura (generica, non necessariamente riferita a Internet); - Unsolicited Commercial E-mail (UCE), che evidenzia la natura commerciale o pubblicitaria dei messaggi; - Unsolicited Bulk E-mail (UBE), mette in primo piano l’invio di massa (bulk = massa); - SPAM: Stupid People Advertising Message. Finora non sono stati fatti molti sforzi per trovare una definizione precisa, ma si è mantenuta una certa ambiguità. Questo potrebbe essere successo perché gli spammer hanno dimostrato una grande inventiva nel trovare nuovi modi per effettuare invii di spam e quindi un termine vago era preferibile a un termine preciso ma non flessibile. Ora che il problema vie ne affrontato più seriamente da parte della comunità Internet e delle istituzioni, è necessario definire con precisione e completezza il fenomeno. Il primo passo per eliminare lo spam è capire cos’è. Il termine spam è usato spesso in modo impreciso ed è causa di incomprensioni e ambiguità. Come spesso si sente dire a proposito della pornografia: «Non la posso definire, ma la riconosco quando la vedo». Gli usi errati del termine si incontrano frequentemente nei gruppi di discussioni da parte di qualche nuovo frequentatore della rete, ma non solo, oppure sui media tradizionali. Ho sentito spesso etichettare come spam gli off-topic (OT), quando in realtà con off-topic si indicano i messaggi fuori tema in una mailing list1 o in un forum dedicato ad uno specific o argomento. Oggi il termine spamming indica un fenomeno ampio che si presenta in molte forme diverse fra loro. Per questo motivo esistono più definizioni non sempre coerenti. Alcune di esse 1 Mailing list: forum di discussione che corrisponde a un indirizzo e-mail, al quale gli iscritti possono mandare messaggi che verranno ricevuti da tutti gli altri iscritti.

Anteprima della Tesi di Marco Fare

Anteprima della tesi: Analisi degli aspetti tecnici e comunicativi dello spamming sulla base di informazione documentaria e di test effettuati in rete, Pagina 5

Tesi di Laurea

Autore: Marco Fare Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 522 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.