Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie di sviluppo della marca commerciale in Europa: il caso di Coop Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo uno 11 miglioramenti continui, col solo limite del costo che si è costretti a scaricare a valle sul cliente/consumatore rispetto al proprio posizionamento (il posizionamento è, in parole semplici, il livello di prezzo relativo proposto rispetto ai concorrenti nello stesso mercato e sullo stesso target). La ricerca in questo senso deve tendere in due direzioni: assecondare il più possibile i bisogni attuali dei consumatori e cercare di prevederne l’evoluzione futura. Una volta che l’immagine di differenziazione e di soddisfazione del bisogno è stata costruita si crea quella che è detta la “promise”, cioè la promessa di prestazioni: il produttore che sostiene la marca come elemento di differenziazione è “obbligato” a mantenere costantemente coerente con la promessa il livello qualitativo del prodotto, anche a costo di sacrificare la produttività. Una volta che si intraprende la strada della marca, dal punto di vista del prodotto in se stesso, la missione dell’azienda, di qualunque tipo e dimensione, non è più produrre, ma rispondere meglio di altri ad una aspettativa che da altri non è soddisfatta. La marca, come dicono giustamente Kapferer e Laurent 7 , “deve creare”. POTENZIALE DI APPRENDIMENTO: il rapporto tra prodotto, marca e utilizzatore finale è legato dalla “promise”, che è alla fine il vero e proprio rapporto di fiducia tra l’azienda e chi con essa si mette in relazione. La fiducia porta, se alimentata, alla produzione di conoscenza sia direttamente, attraverso il processo di attivazione della attività di ricerca che parte dall’ambiente, sia in modo indiretto attraverso la crescita autonoma della conoscenza che si autoalimenta 7 cfr. Kapferer e Laurent, op.cit.

Anteprima della Tesi di Nicola Giglietto

Anteprima della tesi: Le strategie di sviluppo della marca commerciale in Europa: il caso di Coop Italia, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Nicola Giglietto Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6211 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.