Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La guerra italiana nei documentari del Luce 1940-1943

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ricorre alla censura e « si fluttua dal black out più assoluto alle manomissioni pesanti», mentre nel secondo caso l’avvenimento potenzialmente rivoluzionario viene diluito mentre è introdotto nel sistema che macina informazioni con una vorticosità tale da annullarne la carica innovativa. Lo spettatore contemporaneo reagirà a seconda del suo bagaglio culturale e ideologico, ma sempre nei limiti del filtro che si interpone tra l’informazione ( spettacolarizzata o no ) e i suoi fruitori. Allo storico spetta il compito di studiare l’avvenimento tenendo presente le varie componenti che lo rendono pubblico: le meccaniche, il linguaggio intrinseco, la traduzione in immagini e concetti, in stereotipi e in senso comune e vaglierà la risonanza avuta nei mass media e grazie ai mass media. Sorge in questo contesto il problema dello “storico dell’immediato”, costretto nella sua ricerca a inseguire gli avvenimenti intesi però come una punta di iceberg che invitano a vedere cosa vi è dietro, ossia la parte dell’iceberg immersa. Un pregiudizio che ricorre spesso nella critica verso il documento filmato è appunto la spettacolarizzazione dell’evento. Sarebbero in questa logica più “storici” gli avvenimenti meno spettacolarizzati. Per Argentieri, invece, vi è in ogni documento filmato un certo tasso di spettacolarizzazione, laddove esiste, per esempio nei documentari o nei reportage, la tendenza ad oggettivizzare il contenuto rappresentato. Infatti la realtà filmata assume aspetti soggettivi per una serie di filtri che vanno dalla scelta dell’inquadratura, alla colonna sonora, al montaggio, a tutti quegli elementi, in definitiva, alle cui spalle vi è una scelta umana. Secondo Marc Ferro 2 tutti i film sono una fonte storica. L’importante, secondo questo storico, fra i più decisi nell’opporsi al conservatorismo del mondo accademico, è rendersi conto del fatto che il cinema, come il romanzo, riesce a far 2 Marc Ferro, Cinema e storia, linee per una ricerca, Feltrinelli, Milano 1980

Anteprima della Tesi di Luigi Passarelli

Anteprima della tesi: La guerra italiana nei documentari del Luce 1940-1943, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luigi Passarelli Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3941 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.