Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La guerra italiana nei documentari del Luce 1940-1943

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

assumono la doppia valenza di fonti e di modelli di narrazione. Nel primo caso lo storico che li utilizza come documenti si confronta con il presente che li ha prodotti; nel secondo con il passato che essi intendono raccontare e riprodurre. Le grandi sistematizzazioni ottocentesche fondavano l’esame critico della fonte sui parametri di autenticità ed esattezza. Nel primo caso si trattava di determinare se il dato documento era veramente quello che si riteneva di essere comprovandolo mediante l’esame dei manoscritti, dei testi e l’uso di tutti i procedimenti tecnici tramite i quali si poteva giungere alla certezza della loro autenticità. Nel secondo caso si trattava di accertare se il documento, nel momento della sua confezione, era esatto, usando gli strumenti dell’erudizione storica in grado di collocarlo nel contesto culturale nel quale si era formato e di metterlo in relazione con le circostanze a cui faceva riferimento. Oggi questi esercizi di critica interna e esterna devono fare i conti con le enormi possibilità di manipolazione delle nuove fonti. Inoltre perde di significato la distinzione tra documento vero o falso, in quanto un falso può assumere la stessa importanza di un documento vero. Quindi non trovano più spazio le conclusioni ottimistiche di Boleslas Matuszewski che consideravano il cinema come assoluto mezzo di prova della realtà “così come era veramente accaduta”. In realtà « non ci può essere la lettura storica di un film senza riferimenti ad alcune categorie interpretative mutuate da altre discipline come la semiologia e l’antropologia e , soprattutto, prescindendo dalla mediazione concettuale offerta da una nozione come quella di “cultura cinematografica” come chiave per decifrarne l’ambiguità e la complessità dei segni e dei significati» 7 . Non si può riduttivamente soffermarsi sul problema della falsificazione che ogni filmato porta in sé , al contrario lo sforzo dello storico deve essere teso verso la comprensione della realtà 7 G. De Luna, op. cit., pag. 19.

Anteprima della Tesi di Luigi Passarelli

Anteprima della tesi: La guerra italiana nei documentari del Luce 1940-1943, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luigi Passarelli Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3940 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.