Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influenza delle nuove tecnologie digitali sul cinema contemporaneo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 nostalgia del suo referente naturale. I simulacri del secondo ordine, nascono quando al principio dell’analogia tra naturale e artificiale si sostituisce quello dell’equivalenza. Il problema dell’origine, a questo punto non ha più senso perché è la tecnica stessa che è diventata origine. L’immagine non ha più alcun rapporto con la realtà, il suo destino è solo la riproducibilità. Il terzo ordine di simulacri è l’ordine della simulazione che trova il suo motivo d’essere in questa che può essere considerata l’era elettronica. L’astrazione è massima. L’immagine simulacrale è l’antitesi di quella simbolica. Il simulacro cancella il referente e crea così un vuoto di realtà e di senso. Il simulacro è, quindi, un segno vuoto, un duplicato senza prototipo. Baudrillard, quindi, concorda nell’individuare nel rapporto con la realtà la differenza principale tra immagini simboliche o iconiche e immagini simulacrali o idoliche. Rapporto che nel caso di queste ultime, identificabili nelle immagini sintetiche, non esiste per niente. Lo stesso Casetti riconosce, riferendosi ai tentativi fatti dall’uomo per ampliare la sua visione del mondo e agli strumenti che questi ha inventato per riprodurlo, che “la conoscenza passa attraverso la visione, ma la visione non sempre è conoscenza corretta e produttiva” 13 . Riconosce cioè le difficoltà dell’uomo nel rapportarsi con le immagini. Questo vale in modo particolare per le immagini iconiche che al mondo si riferiscono, ma che non possono evitare di darne una visione parziale e sfocata. Quando un fotografo sviluppa le fotografie da lui scattate, ciò che vi ritrova è inevitabilmente il suo punto di vista sull’oggetto, e anche questo non può che essere influenzato dalla qualità della carta su cui ha stampato, e ancora 13 Francesco Casetti, Il cinema, per esempio, Milano, I.S.U. Università Cattolica, 1999, p.23.

Anteprima della Tesi di Andrea Boretti

Anteprima della tesi: Influenza delle nuove tecnologie digitali sul cinema contemporaneo, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Andrea Boretti Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10780 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.