Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Costituzione francese del 1958 e l'Unione europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I in virtù di una legge. Essi entrano in vigore solo dopo la ratifica o l’approvazione. Nessuna cessione, scambio e aggregazione di territorio sono valide senza il consenso delle popolazioni interessate.” 13 . Emerge dunque che, pur spettando al Presidente della Repubblica ampie prerogative in materia di politica estera in quanto principale soggetto titolare del potere estero, tuttavia vi siano alcune materie costituzionalmente riservate alla legge ordinaria di autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali. In merito alla figura del Presidente della Repubblica si dice, forse semplicisticamente, della riforma del 1958 che essa ha comportato un aumento notevole del suo ruolo; e pur non potendo qui negarsi la veridicità di gran parte della portata di tale affermazione, corre tuttavia l’obbligo di accennare anche al fatto che già nella cosiddetta Quarta Repubblica francese, vale a dire dal 1946 al 1958, per quanto fosse il ruolo presidenziale assai 13 Si aggiunga che tutte le decisioni di politica estera prese dal Capo dello Stato necessitano di controfirma ministeriale (articoli 19 e 22 della Costituzione). Osserva B. Chantebout in B. CHANTEBOUT, Droit constitutionnel et science politique, Paris, Colin, 1997, p. 571, che i suoi poteri in materia non sarebbero, sulla semplice base del testo costituzionale, così estesi, se il costume costituzionale affermatosi non facesse del Capo dello Stato l’effettivo capo della diplomazia; e ciò anche in periodi di cohabitation, per il fatto che la pratica anch’essa affermatasi gli attribuisce il diritto di partecipare come rappresentante della Francia, con il Primo Ministro o il Ministro degli Esteri, a tutti gli incontri al vertice. Ciò comporta inevitabilmente un accordo tra l’Eliseo e il Governo sulla politica estera.

Anteprima della Tesi di Sergio Serra

Anteprima della tesi: La Costituzione francese del 1958 e l'Unione europea, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sergio Serra Contatta »

Composta da 292 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4137 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.