Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Deficit di aggiornamento della memoria di lavoro nel deterioramento cognitivo lieve

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 1.2 Le demenze La demenza è una sindrome clinica caratterizzata dalla perdita di più funzioni cognitive, tra le quali invariabilmente la memoria, di entità tale da interferire con le usuali attività lavorative e sociali del paziente. Oltre ai sintomi cognitivi, sono presenti sintomi non cognitivi che riguardano la sfera della personalità, l’affettività, l’ideazione, la percezione, le funzioni vegetative ed il comportamento. Numerosi processi patologici possono portare a un quadro di demenza, anche se i quadri clinici sono spesso diversificati a seconda dei pazienti e solo un’attenta valutazione permette di evidenziarne la causa con sufficiente sicurezza nella maggior parte dei casi. Gli studi epidemiologici si sono rivolti soprattutto alla valutazione della prevalenza della malattia di Alzheimer e della demenza vascolare, poiché sono le forme più comuni di demenza nei paesi industrializzati. In Italia, secondo quanto rilevato dallo studio ILSA (Italian Longitudinal Study on Aging), la demenza interessa il 5.3% degli uomini ultrasessantacinquenni e il 7.2 % delle donne della stessa età; la malattia di Alzheimer è la forma più frequente di demenza in Europa, negli Stati Uniti e in Canada, rappresentando dal 50 all’80% dei casi di demenza. La demenza vascolare rappresenta la seconda forma di demenza in ordine di frequenza, costituendo dall’11 al 24% dei casi nei differenti studi, mentre altre patologie neurodegenerative, quali la demenza a corpi di Lewy e la malattia di Pick, costituiscono la causa della demenza nel 10-15% dei casi. Il 10% circa è secondario a patologie potenzialmente reversibili, (si veda la Tabella 1 per la frequenza delle cause di demenza). Tra le altre cause di demenza è da ricordare la forma associata ad infezione da HIV. Quest’ultima forma è presente in circa lo 0.4% dei pazienti durante la fase asintomatica dell’infezione da HIV, aumenta fino al 7.3% nei pazienti con AIDS conclamato e può

Anteprima della Tesi di Annapaola Prestia

Anteprima della tesi: Deficit di aggiornamento della memoria di lavoro nel deterioramento cognitivo lieve, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Annapaola Prestia Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4907 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.