Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione e gestione dei flussi audiovisivi digitali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Lo standard PCM, usato per maneggiare un segnale audio in forma digitale non compressa, prevede l’impiego di 44100 campioni al secondo, ovvero 44100 rettangoli al secondo. Il WAV è il formato per computer che organizza i dati campionati in modo simile al PCM. L' aumento progressivo di potenza dei calcolatori ha però favorito negli ultimi decenni lo sviluppo e la diffusione dei sistemi di compressione dei dati audio che permettono una forte riduzione delle dimensioni dei files. Le codifiche di compressione dell'audio sono numerose ed utilizzano tecniche anche molto differenti l'una dall'altra. Esistono però tre categorie principali: - le codifiche nel dominio del tempo: si tratta di algoritmi che, elaborano il segnale campionato direttamente senza estrarre le informazioni spettrali(frequenze). L'obiettivo è quello di trovare correlazioni tra i campioni e/o proprietà dalla sorgente e della destinazione che permettano di ridurre il numero di bit usati per descrivere il valore di un campione audio. Sono storicamente le prime ad essere state elaborate, hanno bassa efficienza e sono state ampiamente superate dai nuovi algoritmi - le codifiche per modelli: le codifiche per modelli sono tecniche legate ad una particolare sorgente sonora (come la voce) che si tenta di emulare tramite un modello più o meno semplificato. Le corde vocali e la gola hanno delle ben precise caratteristiche fisiche, il loro comportamento sarà quindi prevedibile sulla base di un modello. Queste codifiche rappresentano una scelta ottimale per la compressione della voce, tanto che vengono utilizzate nella telefonia mobile (GSM) e anche su Internet. - le codifiche nel dominio delle frequenze: Questi algoritmi sono accomunati dal fatto di esaminare e processare il segnale non nel dominio del tempo, ma nel dominio della frequenza. Ogni strumento musicale, ogni suono, e anche la voce, hanno una propria impronta spettrale caratteristica; è, cioè, costituita da una combinazione di frequenze contenute in uno spettro più o meno ampio. Lavorando su

Anteprima della Tesi di Luca Menozzi

Anteprima della tesi: Comunicazione e gestione dei flussi audiovisivi digitali, Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Menozzi Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2204 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.