Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il potere del benchmarking per l'internal auditing: il caso Telecom Italia Spa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

dell’Internal Auditing”. Gli “Standars” sono delle regole di riferimento per lo svolgimento della Professione di Auditor; sono pubblicati a cura del “The Institute of Internal Auditors (IIA) ”, sito in Florida, e sono periodicamente aggiornati da appositi “Statements on Internal Auditing Standards (SIAS) ”, emessi dall’Internal Auditing Standards Board, ovvero il Comitato Scientifico dell’“IIA”. I SIAS interpretano le linee guida statuite dagli Standards, in un processo di evoluzione ed adattamento nella Pratica Professionale dell’Internal Auditing reso necessario dai continui cambiamenti nelle organizzazioni e nella società. Le mutate esigenze aziendali degli ultimi anni, dovute alla presenza di un’intensa turbolenza che ha reso la dinamica del mercato sempre meno prevedibile, hanno portato le diverse organizzazioni a soddisfare esigenze, sempre più pressanti, di ottimizzazione della gestione aziendale. Quest’obiettivo è perseguito mediante la creazione di un maggior valore aggiunto a livello corporate, strada percorsa nel senso dell’aumento di efficacia ed efficienza mediante la riduzione dei costi relativi alle diverse attività aziendali. Anche all’attività di Auditing si sta chiedendo, sempre in misura crescente, un maggior valore aggiunto, soprattutto in termini di “costruzione” di sistemi di controllo all’interno dei processi, di incremento dei profitti e della competitività, d’individuazione di opportunità per un profondo miglioramento organizzativo. In questo senso si rende indispensabile una ricerca continua di opportuni strumenti che migliorino il processo di formazione degli obiettivi, con il minor rischio di insuccesso possibile. E’ in questo contesto che si è fatto strada il benchmarking, ovvero uno dei più innovativi strumenti di management basato sull’ottenimento del miglioramento continuo (continuous improvement) della propria organizzazione, mediante il confronto delle proprie performances con quelle delle aziende migliori sul mercato (best-in-class), sia nell’ambito dello stesso settore, che altrove. Il benchmarking può riguardare l’Internal Auditing in almeno due modi principali.

Anteprima della Tesi di Luciana Romanazzo

Anteprima della tesi: Il potere del benchmarking per l'internal auditing: il caso Telecom Italia Spa, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luciana Romanazzo Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2968 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.