Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto alla comunicazione nel nuovo panorama tecnologico della convergenza multimediale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 La radiodiffusione, infine, è la trasmissione di programmi radiofonici o televisivi destinati ad ampie zone di ricezione ed è caratterizzata dalla “circolarità”, ossia la possibilità di ricezione del messaggio da parte di una pluralità indistinta di destinatari e dalla impossibilità di corrispondenza bilaterale. 3 Ora, la netta distinzione operata in passato fra le tipologie di supporto e la conseguente accentuazione della corrispondenza mezzi/servizi hanno fatto sì che, nonostante le comuni radici tecnologiche, le singole tipologie di servizi si sviluppassero autonomamente; ciò si è verificato soprattutto per le due grandi reti della telefonia e della radiotelevisione vie etere terrestre. Sotto il profilo tecnico, si è posto l’accento sulla differente funzione svolta dai due sistemi di telecomunicazione: di collegamento nel caso della telefonia e di diffusione nel caso della radiotelevisione. 4 Ciò ha fatto sì che “nel corso degli anni l’innovazione tecnologica su queste reti venisse introdotta in maniera differenziata, ottimizzando e specializzando ognuna di esse nel trattare e trasportare solo specifiche 3 Alle peculiari modalità diffusive delle onde hertziane è connesso il procedimento di pianificazione delle frequenze, volto ad assicurare il razionale utilizzo delle stesse: basti ricordare che la ripartizione tra i singoli Stati viene effettuata dalla U.I.T. (Unione Internazionale delle Telecomunicazioni), in conformità alle prescrizioni del RIR (Regolamento Internazionale delle Radiocomunicazioni), adottato a Ginevra il 6/12/1979 e ratificato dall’Italia con dpr 740 del 1981; e che in Italia le attività di ripartizione e di assegnazione sono ora disciplinate dalla legge n.249 del 1997 4 A. Valastro, Libertà di comunicazione e nuove tecnologie, 2001, 6

Anteprima della Tesi di Cosimo Presta

Anteprima della tesi: Il diritto alla comunicazione nel nuovo panorama tecnologico della convergenza multimediale, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Cosimo Presta Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4523 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.