Skip to content

La presenza musulmana nel Friuli-Venezia Giulia: tra reminiscenza storica e nuova immigrazione

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 all’impostazione eretica della dinastia Fatimida, si fece riconoscere emiro dal califfo abbaside al-Mùqtadir, tentando invano di sollevare la Sicilia 42 . Dopo quattro primi governatori, il governo dell’isola fu affidato nel 947-948 ai Banu Kalb, stirpe araba fedele alla dinastia Fatimide, detta dei Kalbiti 43 . Il periodo kalbita è descritto come l’età dell’oro dell’Islam siciliano; fu infatti un periodo in cui assieme all’espansione territoriale vi fu una notevole fioritura di arte e lettere presso la corte 44 . Fu però anche l’ultima dinastia araba che tenne il controllo della Sicilia; difatti la successione dei dinasti Kalbiti si sfaldò progressivamente, nonostante importanti vittorie (Presa di Taormina 963, presa di Rametta e vittoria navale dello stretto dello stesso anno 965), come anche l’inizio di una vigorosa offensiva in Calabria,; riconfermati al governo della Sicilia nel 970 dal califfo al- Mu’izz, videro affermarsi il secondo ramo della dinastia, con Yusuf (990-998). Questi, colto da paralisi, passò prematuramente il potere ai suoi quattro figli, con i quali si svolse l’epilogo dell’emirato kalbita; legati sempre ai Fatimidi, non brillarono per buon governo, dovendo difatti fronteggiare gravi spinte centrifughe. Uno di loro, Al-Akhlal, si rivolse addirittura al nemico bizantino 45 , causando così il rapido intervento degli Ziriti succeduti ai Fatimidi nel nord Africa 46 . L’intervento si chiuse sedata la rivolta, ucciso Al-Akhlal e designato emiro l’ultimo dei quattro fratelli rimasti in Sicilia, Hasan Samsam, ma fu la fine della dinastia kalbita; nel 1053 l’emiro Hasan venne deposto dai suoi stessi sudditi. Nel mentre, a partire già dal 1038-40 quando i bizantini ripresero una vigorosa controffensiva durata fino al 1050, l’unità e la resistenza della Sicilia araba si sfaldarono; l’unitario emirato siciliano si 42 Eletto emiro dell’isola, nonostante un’iniziale ritrosia, ebbe il ruolo delicato di condurre il generale clima di scontento verso la dipendenza alla dinastia Fatimide, precedentemente espresso in più disordini. Mosse guerra ed ebbe vittorie importanti. Il naufragio di una sua armata presso Gagliano, causò l’indebolimento della flotta che in uno scontro successivo dovette fronteggiare le forze navali Fatimide; la cattura di tutte le navi causò uno scontento tale, che presto si prese a malvolere l’emiro. Deluso, stava per recarsi in spontaneo esilio in Spagna, quando il 14 luglio del 916 venne preso mentre si imbarcava e tradito con i suoi a Susa, a Al-Mahdi. A lui , i figli e i compagni, vennero mozzate mani e piedi, e i loro cadaveri vennero sospesi a dei pali . Vedi Amari, M., op. cit., pp. 172-183 43 Primo governatore fu Hasan al-Kalbi 44 Rizzitano, U., op. cit., p.p. 82-83 45 Vedi Amari, Gabrieli, F., Scerrato, U., op. cit., p. 85; Amari, M:, op. cit., pp. 423-437 46 “Quando i Fatimidi se ne erano andati dall’Ifriqiya, nel 973, avevano affidato la carica di viceré del loro impero occidentale agli Ziridi. Gli Ziridi appartenevano a una famiglia di capi berberi sanhaja provenienti dai monti Cabili che avevano combattuto per i Fatimidi contro gli attacchi sferrati all’Ifriqiya dagli Zenata e dagli Ibaditi e che avevano fornito dei soldati per le campagne militari fatimide nel Maghreb occidentale. Quando fu evidente che i Fatimidi non sarebbero più tornati in Ifriqiya, gli Ziridi incominciarono a trasformare il loro vicereame in un regno indipendente, anche se non fu che nel 1048 che essi intrapresero il passo finale e decisivo di eliminare il nome del Califfo fatimide dalle preghiere comunitarie del venerdì per sostituirlo con quello del Califfo di Baghdad” vedi D. Fage, J., op. cit., pp. 164-165
Anteprima della tesi: La presenza musulmana nel Friuli-Venezia Giulia: tra reminiscenza storica e nuova immigrazione, Pagina 15

Preview dalla tesi:

La presenza musulmana nel Friuli-Venezia Giulia: tra reminiscenza storica e nuova immigrazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Vergani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Ottavia Schmidt di Friedberg
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 252

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

friuli venezia giulia
immigrazione
islam
integrazione degli immigrati
comunità islamiche
comunità musulmane

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi