Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il crisis management: disastri aerei e risposta organizzativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2per eseguire compiti ordinari, si rivelano inadeguate per circostanze così straordinarie come la crisi. In questo scenario la teoria del Crisis Management indica la prevenzione delle crisi come un’irrinunciabile priorità la cui realizzazione avviene attraverso l’analisi dei rischi, delle vulnerabilità e la percezione dei segnali deboli che solitamente precedono l’esplosione improvvisa dell’evento foriero di conseguenze negative; ma, quando l’anticipazione dell’evento non fosse attuabile, l’obiettivo del Crisis Management è costituito dalla possibilità di ridurre l’impatto che la crisi esercita sull’organizzazione. Il settore del trasporto aereo, particolarmente vulnerabile alle crisi, è stato tra i primi a sviluppare una cultura di Crisis Management. Per questi motivi le compagnie aeree hanno, ormai da tempo, raggiunto la consapevolezza che di fronte ad un evento così drammatico come quello di un disastro aereo, l’improvvisazione non paga: essere preparati significa predisporre dei piani di crisi con opportune simulazioni che possano mobilitare una risposta organizzativa coordinata e veloce, sia dal punto di vista procedurale, in cui la priorità fondamentale è rappresentata dall’assistenza ai familiari delle vittime, sia dal punto di vista comunicativo. Tuttavia la semplice adozione di un qualche piano di crisi o l’istituzione di un’unità di Crisis Management all’interno dell’organigramma aziendale, costituiscono solo un punto di partenza per la gestione ottimale dell’emergenza e non preservano da eventuali imprevisti ed inefficienze. La ragione di questo risiede nel fatto che ogni crisi è diversa dall’altra, rappresenta cioè caratteristiche uniche e irripetibili per cui spesso anche le compagnie aeree più preparate possono incontrare notevoli difficoltà. Lo studio empirico di due casi (il disastro del volo TWA 800 e l’incidente di Linate) ha permesso di analizzare la risposta organizzativa della compagnia aerea americana TWA e di quella scandinava SAS, sia dal punto di vista delle procedure di Crisis Management adottate, sia dal punto della comunicazione di crisi, al

Anteprima della Tesi di Francesco Scarpignato

Anteprima della tesi: Il crisis management: disastri aerei e risposta organizzativa, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Scarpignato Contatta »

Composta da 260 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5636 click dal 04/04/2007.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.