Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il crisis management: disastri aerei e risposta organizzativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5si risolve in un “circolo virtuoso” dell’apprendimento, per mezzo del quale si è raggiunta la conoscenza necessaria e sono state apportate le adeguate modifiche affinché un evento così traumatico e drammatico non possa più ripetersi. Piano dell’opera Il piano dell’opera può idealmente essere suddiviso in due parti: la prima, teorica, si preoccupa di analizzare i concetti chiave che costituiscono la disciplina del Crisis Management. In particolare, il capitolo primo offre una concettualizzazione della crisi per meglio definire questo fenomeno organizzativo, in relazione ai diversi significati che essa può assumere. L’utilizzo del termine in questione, infatti, si presenta spesso vago e generico ed è necessario stabilire le peculiarità della crisi organizzativa; a tale scopo sono affrontate le due prospettive più rilevanti emerse nella letteratura: l’approccio oggettivo che si propone di classificare e descrivere le caratteristiche delle possibili crisi che colpiscono un’organizzazione e l’approccio soggettivo che, per definire la crisi, si basa sulle percezioni degli attori organizzativi. I concetti chiave e gli strumenti del Crisis Management sono, invece, affrontati nel capitolo secondo in cui viene dedicato spazio alle diverse fasi che costituiscono la gestione delle crisi, dalla prevenzione fino alla fase di recupero e apprendimento che segue alla crisi. Non è stato tralasciato l’approccio alla gestione delle crisi, riassumibile nel concetto di resilienza teorizzato da Weick, secondo il quale i gruppi e gli individui giocano un ruolo decisivo durante l’emergenza, quando la capacità di improvvisazione si sostituisce agli strumenti formali del Crisis Management, come i piani di crisi, che, in determinate circostanze, possono rivelarsi insufficienti a causa della razionalità limitata che impedisce all’uomo di prevedere con esattezza tutti i possibili scenari futuri. Nella seconda parte, invece, la prospettiva si restringe sull’analisi della gestione delle crisi nel settore del trasporto aereo. Il capitolo terzo si propone di analizzare il potenziale di crisi, e quindi la

Anteprima della Tesi di Francesco Scarpignato

Anteprima della tesi: Il crisis management: disastri aerei e risposta organizzativa, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Scarpignato Contatta »

Composta da 260 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5636 click dal 04/04/2007.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.