Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove strategie competitive e processi localizzativi delle grandi catene alberghiere. Il caso Accor

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 SISTEMA TURISTICO 14 - le zone rurali sono frequentate con andamento omogeneo anche se la primavera, l’autunno e il periodo natalizio sono maggiormente preferiti dai turisti; gli afflusi del fine settimana sono equamente distribuiti in tutto l’arco dell’anno; - i centri urbani di affari risentono dell’andamento dell’attività produttiva, riducendo le presenze nei periodi festivi; durante la settimana concentrazione nei giorni feriali e deflusso a partire dal venerdì; - le città d’arte sono visitate soprattutto nella primavera e d’autunno, mentre l’estate si attesta su livelli leggermente inferiori; elevate presenze nei periodi festivi e durante la settimana. Le considerazioni svolte a proposito della irregolare distribuzione temporale della domanda sottolineano come le imprese turistiche debbano affrontare e risolvere il problema della concentrazione delle richieste. Per ovviare a questo disequilibrio, il management alberghiero da tempo sta sperimentando soluzioni gestionali che tendano ad omogeneizzare, nei limiti del possibile, l’andamento della domanda: si tratta delle cosiddette “politiche di destagionalizzazione”. Parallelamente si cerca di operare limitando il grado di rigidità delle unità produttive. La seconda peculiarità individuata è l’instabilità della domanda: si tratta, probabilmente, della caratteristica che si rivela più critica per gli operatori turistici. Mentre la stagionalità può essere, in qualche modo, studiata e programmata, in quanto regolata da motivazioni naturali ed istituzionali conosciute, l’instabilità è per sua natura, improvvisa e difficilmente prevedibile. Questa forma di variabilità non ciclica, può essere determinata da una molteplicità di fattori, anche molto diversi tra loro, che influenzano la domanda tramite meccanismi non sempre noti. In questi casi, i flussi turistici variano e fluttuano per l’azione di variabili normalmente esogene al sistema degli operatori turistici e difficilmente controllabili. In tale situazione, è estremamente difficile effettuare delle previsioni attendibili

Anteprima della Tesi di Andrea Castellani

Anteprima della tesi: Nuove strategie competitive e processi localizzativi delle grandi catene alberghiere. Il caso Accor, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Castellani Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6145 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 50 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.