Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il caso Radio Deejay: una comunicazione polimediale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 che sente impellente la necessità di emanciparsi dai valori e dai condizionamenti familiari e che, in casa, si costruisce la sua “oasi” di libertà nella propria camera da letto. Là, tra i poster dei divi e il giradischi, è immancabile l’apparecchio radio. Si afferma, dunque, un tipo di consumo personale che però non degenera nell’isolamento 13 . L’adolescente che ascolta la radio nella propria camera cerca una fuga dalle regole e i vincoli imposti dai genitori, ma allo stesso tempo pone all’emittente radiofonica una precisa richiesta di identità: la trasmissione di valori e stili di vita che lo facciano sentire parte di un gruppo, il gruppo dei pari, di quei ragazzi che “vivono” e “sentono” ciò che lui “vive” e “sente”. Per questi giovani la fruizione del mezzo significa ascoltare la radio da soli per far parte di un comunità che ha scelto e sceglie ogni giorno, come proprio leader, un disk- jockey. Non solo dai teen-ager, del resto, ma da tutti viene posta questa richiesta alla radio: assolvere una funzione identitaria 14 . Ciò che non si può chiedere alla TV, un “mezzo freddo” e per sua natura generalista, lo si chiede alla radio, il “mezzo caldo” 15 per eccellenza. Creare 13 Menduni, Enrico, Il mondo della radio dal transistor ad Internet, op. cit., pag. 63 14 Menduni, Enrico, Il mondo della radio dal transistor ad Internet, op. cit., pag. 61 15 Mcluhan, Marshall, op. cit., pag. 31 E’ caldo il mezzo che "estende un unico senso fino a un’alta definizione: fino allo stato, cioè, in cui si è abbondantemente colmi di dati". Attraverso il medium freddo, invece, "si riceve una scarsa quantità d’informazioni, e altrettanto dicasi, ovviamente, di ogni espressione orale rientrante nel discorso in genere perché offre poco ed esige un grosso contributo da parte dell’ascoltatore. Viceversa i media caldi non lasciano molto spazio che il pubblico debba colmare o completare; comportano perciò una limitata partecipazione, mentre i media freddi implicano un alto grado di partecipazione o di completamento da parte del pubblico".

Anteprima della Tesi di Vincenza Molfetta

Anteprima della tesi: Il caso Radio Deejay: una comunicazione polimediale, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Vincenza Molfetta Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8038 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 50 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.