Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La contrattazione collettiva dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

l’applicabilità per il rapporto tra avvocato e cliente, ove i diversi incarichi succedutisi nel tempo avevano acquisito rilevanza singolarmente. Per il caso della prestazione unica che non si ripete ma si protrae nel tempo la giurisprudenza non è invece sempre concorde nel ritenere applicabile l’art. 409 Cpc: al di là della durata cronologica della prestazione si è infatti sovente ritenuto indispensabile che l’opera o il servizio si ripetano nel tempo e che cioè il committente sia interessato a conseguire (e consegua), una pluralità di risultati. Sempre in tema di unica prestazione, una parte della giurisprudenza ha ritenuto che possa essere riscontrabile il requisito della continuità anche quando la prestazione richieda, non solo un’attività prolungata nel tempo ma anche un’iterazione fra le parti dopo la conclusione del contratto, non limitata ai momenti dell’accettazione dell’opera e del versamento del corrispettivo. In particolare questa iterazione viene ravvisata nella destinazione esclusiva dell’attività lavorativa al soddisfacimento di un interesse del committente, tale da implicare, per quel periodo, una totale messa a disposizione delle energie lavorative del prestatore, con conseguente perdita della sua posizione di libertà e quindi con presumibile dipendenza economica da quel solo cliente. Venendo al secondo requisito identificativo della collaborazione e cioè quello della coordinazione, va detto come la dottrina sia unanime nell’identificarla con un “collegamento funzionale” dell’attività del prestatore d’opera con quella del destinatario della prestazione 4 . Allo stesso tempo si è però voluto rimarcare come tale collegamento funzionale, non dovesse trascendere in un obbligo per il prestatore d’opera di 4 Cfr Santoro Passarelli G. “Il lavoro “para-subordinato”” Milano, 1979a, 67; Ballestrero, Opera cit., 62.

Anteprima della Tesi di Daniele Bordigoni

Anteprima della tesi: La contrattazione collettiva dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Bordigoni Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4887 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.