Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli decisionali applicati alla scelta degli ospedali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Pagina 9 gusti e gli attributi non osservabili relativi alle varie alternative. Quindi la teoria della probabilità può essere utilizzata per migliorare le metodologie precedentemente menzionate. 1.2.1 Utilità costante. Con questo approccio l’utilità delle varie alternative è fissa. Invece di selezionare l’alternativa con l’utilità più alta si suppone che chi deve eseguire la scelta abbia a che fare con una probabilità di scelta definita da una distribuzione di probabilità che include l’utilità come un parametro. 1.2.2 Utilità aleatoria. Con questo metodo si suppone sempre che l’individuo scelga l’alternativa con la più alta utilità, l’utilità non è nota con certezza all’analista ed è trattata da questi come una variabile aleatoria. Si ha dunque che la probabilità che venga scelta l’alternativa i, è uguale alla probabilità che l’utilità dell’alternativa i, U in , sia maggiore o uguale all’utilità delle altre alternative nell’insieme di scelta. E cioè più formalmente: P( i | C n ) = Pr[U in � U jn per tutti j� C n ] (1.2) Ove con C n si indica l’insieme di tutte le alternative possibili per l’n_esima persona che deve eseguire la scelta e con U in e U jn l’utilità dell’alternativa i e j rispettivamente. Mansky (1973) ha identificato 4 distinte sorgenti di casualità: 1. Attributi non osservabili. 2. Variazioni di gusti non osservabili. 3. Errori di misura e informazioni errate. 4. Variabili strumentali. Analizziamo singolarmente queste voci: Attributi non osservabili: Il vettore degli attributi che influisce sulla decisione è incompleto. La funzione d’utilità è dunque:

Anteprima della Tesi di Alessandro Mazzanti

Anteprima della tesi: Modelli decisionali applicati alla scelta degli ospedali, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Mazzanti Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4478 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.