Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sistemi di memoria e strategie di oblio in contesti organizzativi, nel caso dei nodi di contatto della Regione Emilia Romagna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

un’organizzazione, e darò una spiegazione non esclusivamente cognitiva a quelle componenti che causano l’oblio, individuate dall’analisi dei testi psicologici sull’argomento. Per rendere tutto questo studio teorico fruttifero, analizzerò un caso concreto di organizzazione al lavoro: il caso della recente espansione dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’Ente Regione Emilia-Romagna, espansione che ha coinvolto altri tre uffici di due differenti Direzioni Generali oltre a quello cui già erano state affidate le mansioni dell’U.R.P. Questo caso è molto interessante perché permette di vedere come vengono ricordate e dimenticate sia le conoscenze relative alle risposte che devono essere fornite ai cittadini che contattano l’ufficio, sia come vengono trattate le conoscenze che – invece – riguardano i modi di agire, le procedure e le pratiche, a fronte di questa espansione ad uffici che non erano soliti svolgere quest’attività, almeno non in maniera così strutturata. Nell’arco del mio studio su questo caso è emerso un tema che prima era stato trattato poco, e cioè quello di una forma di oblio debole delle conoscenze che, se pure vengono immagazzinate dagli individui, vengono poi facilmente dimenticate, ben sapendo che esistono degli elementi di partecipazione o di reificazione che permetteranno comunque di supportare il ricordo a livello collettivo. Questo oblio debole – è emerso – è ben collegabile al tema della fiducia nei confronti delle persone (o degli oggetti) cui viene affidata la delega. A partire da questo caso, cercherò di trarre alcuni spunti non tanto per progettare l’oblio, dato che non esistono meccanismi automatici e diretti che lo “impongano”, quanto piuttosto per progettare PER l’oblio, cioè per trovare delle strategie che permettano di favorire da una parte la delega delle conoscenze da usare sul lavoro, e dall’altra per tentare di non rendere attive le conoscenze non più utili all’esecuzione di pratiche e procedure di lavoro.

Anteprima della Tesi di Franco Papeschi

Anteprima della tesi: Sistemi di memoria e strategie di oblio in contesti organizzativi, nel caso dei nodi di contatto della Regione Emilia Romagna, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Franco Papeschi Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3112 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.