Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Recupero urbano ex cementificio Sacci-Corsalone di Arezzo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Un’idea di recupero più complessiva, che istituisca un sistema di relazioni con il territorio richiede una visione globale capace di trascendere dal singolo edificio. Secondo Russo il recupero dell’area deve basarsi sulle considerazioni degli effetti di riequilibrio e di trasformazione su scala urbana e territoriale, inquadrati in connessione con un’ampia definizione strategica dei valori. Concepire l’esistenza della fabbrica dismessa come un flusso continuo nel contesto urbano, valutare la sua permanenza come risorsa in grado di generare una molteplicità di effetti, vuol dire superare la settorialità dell’archeologia industriale. Quest’ultima, nata nella sfera del restauro dei monumenti come già detto si pone come disciplina di tutela e conservazione degli aspetti tecnologici e tipologici prevalentemente dell’architettura, mostrando così i limiti di un interesse settoriale. L’azione del recupero risponde alla necessità di mantenere una delle tante “memorie” del passato. In questo caso l’insediamento dimesso, con le sue architetture, rappresenta un monumento industriale alla tecnologia ma anche alle classi subalterne. La fabbrica ha rappresentato un punto nodale della nascita di relazioni a carattere economico e sociale. Per quanto riguarda le relazioni a carattere sociale, Russo riporta la definizione che nel 1929 El Lisitskij diede della fabbrica chiamata ad assolvere un compito educativo nei confronti degli uomini che in essa lavoravano quale “centro focale del processo di socializzazione della popolazione urbana” 4 . Il reperto industriale è un segno tangibile di una precisa fase della storia umana e della sua cultura. Le ricerche di analisi volgono al passato anche per cogliere quelle trasformazioni dell’insediamento industriale che ha portato nel paesaggio 4 Ibidem, p. 97, tratto da: El Lisitskij La ricostruzione dell’edilizia industriale, in A.A.V.V., La ricostruzione dell’Architettura in Russia, Vallecchi, Firenze, 1969.

Anteprima della Tesi di Manuela Veri

Anteprima della tesi: Recupero urbano ex cementificio Sacci-Corsalone di Arezzo, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Manuela Veri Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3089 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.