Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le società privatizzate: legislazione speciale e diritto comune

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo – L’avvio del processo di privatizzazioni 14 nelle imprese pubbliche rappresentavano un possibile strumento per conseguire l’obiettivo. Il decreto legge n. 386/91, composto da tre articoli, vedeva racchiusi nel primo di essi conseguenze, regole e condizioni della trasformazione degli enti pubblici economici. Quello che emerge da una sua lettura è che, se l’obiettivo della vendita di pacchetti azionari di minoranza era finalizzato in particolare ad ottenerne i relativi introiti, la perdita del controllo sulle S.p.A. costituite non sembra aver rappresentato lo scopo primario. Comunque i momenti in cui, sulla carta, si esplicava il procedimento normativo erano tre: trasformazione dell’impresa; vendita delle relative partecipazioni; perdita del controllo da parte dello Stato. Il primo comma dell’art. 1 stabiliva la possibilità per gli enti di gestione delle partecipazione statali (quali ad es. IRI ed ENI) e gli altri enti pubblici (INA, ENEL ecc.) di essere trasformati in società per azioni. Veniva così predisposta una modifica facoltativa dell’assetto societario 1 . Il decreto legge faceva un riferimento generale agli enti pubblici economici ed alle aziende autonome statali 2 ; non si individuava quindi un elenco di aziende trasformande. E’ importante notare come restassero escluse dall’applicazione della legge le società operative, cardine dell’intervento pubblico 1 In effetti la legge n. 35/92 prendeva esempio dalla precedente legge n. 218/90, “Disposizioni in materia di ristrutturazione e integrazione patrimoniale degli istituti di credito di diritto pubblico”, in G.U. del 6 agosto 1990, n. 182, che sarà trattata nel sesto capitolo. 2 Come già visto nell’introduzione, nei primi vi rientrano tutti quegli enti pubblici che svolgono attività di impresa finalizzata alla produzione e allo scambio di beni e/o servizi, nel rispetto di criteri di economicità ed equilibrio economico, come ogni altro imprenditore. Invece le aziende autonome sono quelle articolazioni dello Stato che non svolgono, in maniera prevalente, attività imprenditoriale, ma erogativa.

Anteprima della Tesi di Daniele Palmisani

Anteprima della tesi: Le società privatizzate: legislazione speciale e diritto comune, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Palmisani Contatta »

Composta da 283 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6332 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.