Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli a risonanza parametrica dell'interazione bioelettromagnetica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 ortopedia si utilizzano già tecniche per promuovere e ridurre i tempi di osteogenesi nel trattamento di fratture, pseudoartrosi e innesti ossei. Lo stimolo elettromagnetico dovrebbe promuovere l’attività osteogenetica interagendo con le caratteristiche piezoelettriche della matrice collagenica e con i flussi ionici endossei, anche se un preciso modello biofisico di interazione non è tuttora stato completato 1 . Altri argomenti oggetto di ampia discussione sono gli eventuali effetti sulla popolazione dei campi in radiofrequenza per le telecomunicazioni e dei campi in bassa frequenza generati dalle linee di distribuzione dell’energia elettrica. In effetti al giorno d’oggi stiamo assistendo ad una enorme diffusione dei dispositivi di comunicazione, tra cui gli ormai popolari telefoni cellulari, che hanno reso possibile una grande flessibilità di interazione tra la popolazione ed hanno quindi riscosso un incredibile successo, arrivando addirittura ad essere un’esigenza per le utenze. Tale fenomeno è stato accompagnato da un incremento dell’esposizione della popolazione verso campi elettromagnetici in radiofrequenza (RF), che ha mosso, e muove tuttora, timori rispetto a possibili problemi di salute che tali radiazioni non-ionizzanti potrebbero provocare. La possibilità che si possano verificare danni dovuti al riscaldamento dei tessuti irradiati da potenze abbastanza elevate è assodata, ed il meccanismo biofisico che genera l’incremento di temperatura nei tessuti biologici e ormai chiaro in letteratura. Enti quali la World Health Organizzation (WHO) e l’International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP) forniscono raccomandazioni e linee guida per porre restrizioni all’intensità dei campi 1 Si veda il report del simposio internazionale “Electromagnetic fields and bone healing” Bologna, 11 giugno 1997

Anteprima della Tesi di Ivano Mallarini

Anteprima della tesi: Modelli a risonanza parametrica dell'interazione bioelettromagnetica, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Ivano Mallarini Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1681 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.