Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dei dati quantitativi di bilancio nell'analisi delle dinamiche d'impresa. Applicazioni nella Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia SpA

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Cap. 1: Il Bilancio come Strumento di Comunicazione – Gli Obiettivi dell’Analisi 2 rivestono grande rilievo e che l’andamento degli indicatori di Bilancio, opportunamente selezionati, ne costituisce un fondamento. In definitiva, obiettivo fondamentale di quest’Analisi è di tracciare una panoramica, quanto più ampia possibile, dei principali Metodi, Tecniche, Strumenti, Modelli, definiti dalla Teoria per misurare, valutare e monitorare il Rischio insito nell’attività d’impresa e, in particolare, il Rischio di non far fronte, nei modi e nei tempi stabiliti, agli Impegni nei confronti dei Finanziatori (Rischio d’Insolvenza). Quando si parla di Crisi aziendale, è necessario distinguere i “sintomi” della Crisi dalle “cause” che l’hanno determinata. I due Fenomeni risultano, infatti, spesso confusi così che, ad esempio, la “causa” del dissesto aziendale è individuata in un continuo calo delle Vendite, quando invece questo è da considerare il “sintomo” o, meglio ancora, uno dei “sintomi”: la “causa” andrà allora ricercata in altri Fattori come, ad esempio, un Prodotto superato rispetto a quelli offerti dalla concorrenza. A tal proposito, si può rivelare utile la distinzione, riportata qui sotto nella Figura 1.1 2 , tra Fattori Interni e Fattori Esterni determinanti la Crisi aziendale: Fattori Interni Fattori Esterni 1) Cattivo Management 1) Situazione Concorrenziale 2) Struttura dei Costi Rigida 2) Mutamenti della Domanda di Mercato 3) Carente Orientamento al Mercato 3) Perturbazioni del Mercato Valutario 4) Grandi Progetti Falliti 4) Politica Fiscale dello Stato 5) Acquisizioni Sbagliate 6) Politica Finanziaria Errata 7) Controllo Finanziario Insufficiente Figura 1.1 2 F. Tatò – Le cause del dissesto delle imprese – in “Il Sole - 24 Ore”, 4 novembre 1995.

Anteprima della Tesi di Paolo Rubino

Anteprima della tesi: Il ruolo dei dati quantitativi di bilancio nell'analisi delle dinamiche d'impresa. Applicazioni nella Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia SpA, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Rubino Contatta »

Composta da 229 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1700 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.