Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dei dati quantitativi di bilancio nell'analisi delle dinamiche d'impresa. Applicazioni nella Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia SpA

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Cap. 1: Il Bilancio come Strumento di Comunicazione – L’Indagine della Dinamica Economico/Fin. 6 della Gestione di periodo, vale a dire il Bilancio dell’esercizio. Quindi l’Analisi del Bilancio, poiché rappresenta la sintesi finale delle Caratteristiche, delle Scelte e delle Politiche dell’azienda, permette una valutazione, seppur parziale, dello “stato di salute” dell’impresa evidenziando, in particolare, i seguenti aspetti: a) capacità e modo di generare Reddito da parte dell’azienda nel tempo, per effetto della Gestione b) variazioni della Struttura Finanziaria dell’impresa e relative implicazioni sul rapporto “Capitale Proprio / Capitale di Terzi”, sulla Politica degli Utili, sulla tipologia d’Indebitamento c) idoneità dell’azienda a fronteggiare gli Impegni derivanti dai Finanziamenti richiesti, giacché questi ultimi sono accordati per il futuro. Al fine di un’efficace e compiuta valutazione, è quindi necessario: • esaminare una serie storica di Bilanci aziendali • riclassificare gli stessi secondo Modelli in grado di fornire le indicazioni ritenute utili, usando le informazioni contenute, in particolare, nella Relazione sulla Gestione e nella Nota Integrativa • individuare la presenza di eventuali manovre di “contabilità creativa”; il termine “contabilità creativa” indica tutte quelle Operazioni contabili o gestionali aventi quale precipuo obiettivo l’oscuramento delle reali Condizioni Economiche di un’azienda; i casi più frequenti di “contabilità creativa” 6 sono: a) le Plusvalenze da Cessione di Cespiti o di Ramo d’azienda b) le Plusvalenze imputate alla voce “Altri Proventi” anziché alla voce “Oneri e Proventi Straordinari” c) la capitalizzazione di Costi d) la manipolazione della voce “Rimanenze” o variazione del relativo Criterio di valutazione e) le Vendite infragruppo f) il mismatching valutario (mancata rilevazione di potenziali Perdite di Cambio su Finanziamenti in Valuta reinvestiti in Impieghi in Lire 6 Terry Smith – Contabilità creativa – Il Sole-24 Ore Libri (Milano), 1995, pag. 212 e segg.

Anteprima della Tesi di Paolo Rubino

Anteprima della tesi: Il ruolo dei dati quantitativi di bilancio nell'analisi delle dinamiche d'impresa. Applicazioni nella Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia SpA, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Rubino Contatta »

Composta da 229 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1701 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.