Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le obbligazioni bancarie: profili normativi e implicazioni gestionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAP. I – IL QUADRO NORMATIVO DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE bancarie, ivi comprese le banche cooperative purché queste abbiano previsto nel proprio programma di attività e nelle norme statutarie l’esercizio del credito a medio e lungo termine. È da notare quindi che, contrariamente a quanto prevede al riguardo l’art. 4 del d. lgs. 14 dicembre 1992, n. 481, l’art. 12 del T.U. delle leggi in materia bancaria e creditizia non richiede una specifica previsione statutaria, per l’emissione di prestiti obbligazionari da parte delle banche. Fanno eccezione le banche di credito cooperativo, nei confronti delle quali, l’art. 35 del detto T.U., stabilisce il principio secondo cui i relativi statuti devono contenere, fra l’altro, le norme relative alle operazioni di raccolta determinate sulla base dei criteri fissati dalla Banca d’Italia. Si è infatti in presenza, con il dettato del secondo comma dell’art 35 del T.U., di una disposizione specifica per una determinata categoria di banche, disposizione che non trova analogia con le altre categorie, nei confronti delle quali non è richiesta una particolare previsione statutaria che legittimi la possibilità di emettere obbligazioni. Il T.U. concede la possibilità a tutte le banche di raccogliere risparmio attraverso lo strumento obbligazionario, e le disposizioni di vigilanza precisano che “sono agevolate, sul piano delle modalità, le emissioni di importo rilevante ovvero quelle effettuate da banche in possesso di determinati requisiti patrimoniali e reddituali” 7 . In dottrina si è valutata l’espressione utilizzata dal legislatore nell’art. 12 T.U. “possono”, e quella utilizzata dall’organo di vigilanza “opportunità”, che, secondo alcune interpretazioni, assumerebbe un significato più riduttivo. Lascia perplessi il richiamo 7 Circolare della Banca d’Italia n. 229 Istruz. di Vig. (aggiornato al 5 settembre 2002 - 7° Aggiornamento), Tit.V, Cap. 3, Sez. I, par. 1.

Anteprima della Tesi di Andrea Orfino

Anteprima della tesi: Le obbligazioni bancarie: profili normativi e implicazioni gestionali, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Orfino Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3475 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.